Macerata, morte Pamela: il nigeriano resta in carcere ma il gip non contesta l'omicidio

Occultamento e vilipendio di cadavere. Sono queste le sole accuse per cui il gip di Macerata Giovanni Maria Manzoni ha convalidato il fermo di Innocent Oseghale nell'inchiesta sulla morte di Pamela Mastropietro.

Il giudice, confermano fonti giudiziarie, ha ritenuto non vi fosse fosse prova certa per sostenere l'addebito di omicidio per il quale Oseghale resta indagato. Un altro pusher nigeriano è invece indagato per la cessione di eroina alla 18enne il cui cadavere smembrato è stato trovato in due trolley.

Leggi l'articolo completo su Il Messaggero
Outbrain
Consultazioni, Mattarella convoca 5 Stelle alle 17.30 e Lega alle 18
Ecco chi è Conte, giurista anti-burocrazia con un passato a sinistra
Uccide la moglie e la figlia 11enne: le 8 ore di follia del manager Depresso dopo morte della madre
Terremoto, forte scossa nel Maceratese. «Paura in tutto il Centro Italia»
Violentata a Roma, la svolta: c'è il nome del capobranco