Israele, raid e attacchi aerei su vasta scala a Gaza. Netanyahu avverte Hamas: «Questo è solo l'inizio»

Tutti gli aggiornamenti sulla guerra in Israele

Pesanti bombardamenti israeliani stanno colpendo anche nella notte la Striscia di Gaza, in particolare nei pressi del confine. Lo testimoniano video postati sui social dai...

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
159,98€
40€
Per 2 anni
SCEGLI ORA
OFFERTA MIGLIORE
ANNUALE
79,99€
19€
Per 1 anno
SCEGLI ORA
 
MENSILE
6,99€
1€ AL MESE
Per 6 mesi
SCEGLI ORA

OFFERTA SPECIALE

OFFERTA SPECIALE
MENSILE
6,99€
1€ AL MESE
Per 6 mesi
SCEGLI ORA
ANNUALE
79,99€
11,99€
Per 1 anno
SCEGLI ORA
2 ANNI
159,98€
29€
Per 2 anni
SCEGLI ORA

- oppure -

Sottoscrivi l'abbonamento pagando con Google

OFFERTA SPECIALE

Leggi l'articolo e tutto il sito ilmessaggero.it

1 Anno a 9,99€ 89,99€

oppure
1€ al mese per 6 mesi

Rinnovo automatico. Disattiva quando vuoi.

L'abbonamento include:

  • Accesso illimitato agli articoli su sito e app
  • La newsletter del Buongiorno delle 7:30
  • La newsletter Ore18 per gli aggiornamenti della giornata
  • I podcast delle nostre firme
  • Approfondimenti e aggiornamenti live

La Russia chiede all'Onu il «cessate il fuoco immediato a Gaza»

La Russia ha presentato una risoluzione al Consiglio di sicurezza Onu in cui chiede il «cessate il fuoco immediato a Gaza». Lo riferisce la Tass.

Il Kuwait rifiuta l'evacuazione di Gaza

Il Kuwait rifiuta «categoricamente» le richieste di Israele di sfollare i palestinesi da Gaza. Lo riporta su X il Jerusalem Post

Msf: Israele posticipa alle ore 6 evacuazione ospedale Gaza

«Le forze israeliane hanno ora rinviato la richiesta di evacuazione dell'ospedale Al Awda nella Striscia di Gaza fino alle 6 del mattino», le ore 5 italiane. «L'evacuazione dei pazienti resta complicata». Lo scrive Medici Senza Frontiere in un aggiornamento su X.

 

 

Netanyahu avverte Hamas: questo è solo l'inizio

«Quel sabato maledetto resterà scolpito nella storia di Israele. Non lo dimenticheremo». Lo ha detto il premier israeliano Benyamin Netanyahu aggiungendo: «Stiamo colpendo i nostri nemici con una forza senza precedenti. I nostri nemici hanno iniziato a pagare il prezzo, non sanno cosa avverrà, è solo l'inizio. Distruggeremo e sradicheremo Hamas, arriveremo alla vittoria»

Netanyahu parlerà alla nazione

Alle 20.30 italiane il premier israeliano Benyamin Netanyahu parlerà alla nazione. Lo ha fatto sapere il suo ufficio.

Israele, in atto raid su vasta nella Striscia di Gaza

Le Forze di difesa israeliane stanno conducendo raid su vasta scala su obiettivi terroristici appartenenti ad Hamas nella Striscia di Gaza. Lo rende noto l'Idf sul proprio canale Telegram.

 

Il reporter ucciso nel Sud del Libano lavorava per Reuters

Il giornalista rimasto ucciso nell'attacco nel sud del libano è Issam Abdallah, un fotoreporter libanese che lavorava per la Reuters. Lo riporta Al Manar, la tv degli Hezbollah. I tre feriti sono invece - secondo la stessa fonte - due giornalisti libanesi di Al Jazeera e uno che lavorava per l'Afp

Israele, fanteria e tank entrati a Gaza per "raid mirati"

Le Forze della Difesa israeliana sono entrate nella Striscia di Gaza con truppe di fanteria e carri armati per condurre «raid localizzati» finalizzati a liberare la zona dai terroristi e individuare dove si trovano gli ostaggi. Lo scrive il Times of Israel, precisando che le truppe hanno raccolto vario materiale «che potrebbe aiutare nello sforzo di localizzare i dispersi». Nell'incursione l'Idf afferma inoltre che sono stati uccisi «un certo numero di terroristi nell'area», inclusa una cellula di Hamas che aveva lanciato missili anticarro contro Israele.

Al Jazeera: reporter ucciso in Libano

Il capo di Al Jazeera, citato da Haaretz, ha fatto saper che un reporter è stato ucciso, e altri tre feriti, dal fuoco di Israele nel sud del Libano.

Esercito israeliano: residenti Gaza si spostino al Sud entro le ore 20

L'esercito israeliano in lingua araba Avichay Adraee ha detto che i palestinesi hanno tempo fino alle 20.00 (le 19 in Italia) per spostarsi a sud della Striscia. La mossa - secondo i media - indica che l'esercito si sta preparando per una massiccia operazione nel nord della Striscia. In un primo tempo l'esercito aveva dato 24 ore di tempo ai palestinesi per spostarsi da nord a sud. «Se siete preoccupati per voi e i vostri cari, dovreste andare a sud».

Hezbollah rivendica attacchi a obiettivi israeliani

Hezbollah ha diffuso un comunicato in cui rivendica gli attacchi a quattro siti israeliani. «In risposta agli attacchi israeliani di questo venerdì pomeriggio nei pressi di alcune città del Libano meridionale - si legge nel comunicato -, i mujaheddin della Resistenza islamica hanno attaccato i seguenti siti israeliani: Al-Abad, Miskvam, Ramia e Alam».

Esercito Israele nega di aver usato fosforo bianco

L'esercito israeliano ha respinto le accuse di aver utilizzato il fosforo bianco nelle sue operazioni militari di questi giorni, definendole «inequivocabilmente false». Lo riferisce al Jazeera. La smentita è arrivata dopo che Human Rights Watch ha accusato Israele di utilizzare fosforo bianco a Gaza e in Libano, mettendo seriamente a rischio i civili, a seguito di un'analisi dei video del conflitto

Israele, in corso sospetta infiltrazione armata dal Libano

Secondo l'esercito israeliano, è in corso una sospetta infiltrazione armata in Israele dal Libano. Lo riporta Sky News. L'esercito ha avvertito i residenti di Hanita, a 500 metri dal confine e di fronte alla comunità libanese di Aalma El-Chaeb, di rimanere a casa e chiudere porte e finestre.

Borrell: «Irrealistico chiedere di evacuare Gaza in 24 ore»

«È assolutamente irrealistico che un milione di persone possa spostarsi in 24 ore. Il segretario generale dell'Onu lo ha detto: è bene avvertire, ma l'avviso deve essere realistico per evitare conseguenze umanitarie devastanti». Lo ha detto l'alto rappresentante Ue per la Politica Estera Josep Borrell nel corso della conferenza stampa a Pechino con il ministro degli Esteri cinese Wang Yi. «L'Ue è stata molto chiara nella condanna degli attacchi di Hamas. Israele ha diritto di difendersi ma in linea con il diritto internazionale. L'Ue ha già detto di essere contro qualsiasi attacco ai civili», ha ricordato.

Bilancio vittime palestinesi: 1.799 morti

È salito a 1.799 vittime palestinesi e 6.388 feriti il bilancio dei bombardamenti israeliani nella Striscia di Gaza. A riferirlo è il ministero della Salute palestinese citato dai media.

Il checkpoint fra Gaza e Israele prima e dopo l'attacco di Hamas

Il checkpoint fra Gaza e Israele prima e dopo l'attacco di Hamas. Ecco le immagini satellitari a cinque ore dopo l'inizio dell'attacco dei terroristi allo Stato ebraico.

 

Cina: "La causa del conflitto è l'ingiustizia contro i palestinesi"

Il conflitto tra Hamas e Israele ha dimostrato che la via «per risolvere la questione palestinese sta nel riprendere i colloqui di pace autentici il più presto possibile e nel realizzare i diritti legittimi della nazione palestinese», risolvendo così «un'ingiustizia». Lo ha detto il capo della diplomazia cinese Wang Yi in conferenza stampa con l'omologo Ue Josep Borrell. «La Cina invita a dare prova di moderazione, ad allentare le tensioni quanto prima e a prevenire un'espansione del conflitto», ha aggiunto Wang, per il quale è prioritario garantire la sicurezza dei civili e gli aiuti per «evitare una grave crisi umanitaria a Gaza».

Tajani: «Hezbollah deve rimanere nei confini del Libano»

«Credo che sia giusto che Hezbollah rimanga dentro i confini del Libano, perché un attacco dal sud del Libano verso Israele sarebbe una terribile iniziativa destinata a infiammare il Medio Oriente e questo non lo vogliamo». Lo ha dichiarato il ministro degli Esteri Antonio Tajani in Israele.

A Sderot esercito organizza sgombero temporaneo e volontario

Il ministero della Difesa israeliano ha messo a punto un piano per uno sgombero temporaneo e su base volontaria degli abitanti della cittadina di Sderot, che è situata a ridosso della striscia di Gaza e che è stata ripetutamente colpita durante i combattimenti. Un comunicato ufficiale precisa che i 30 mila abitanti avranno diritto «di riposare e recuperare forze» in ostelli o in pensioni in altre zone di Israele, a spese dello Stato. Nei giorni scorsi Sderot è stata martoriata da continui lanci di razzi. È stata inoltre teatro di infiltrazioni nelle sue strade di membri di Hamas che, secondo testimonianze, hanno ucciso decine di abitanti. Ieri a Sderot una soldatessa della riserva è stata colpita a morte dalla esplosione di un razzo palestinese. «La popolazione è sotto shock, necessita di almeno dieci giorni di riposo in posti tranquilli», ha detto il sindaco Allon Davidi.

Portavoce Unifil: «Volano droni e jet israeliani»

«Qui al momento la situazione è sempre molto fluida, al momento c'è una relativa calma. C'é uno stato di grande allerta e attenzione sul territorio israeliano, ma niente da questa parte. Questa mattina c'era rumore di droni, di jet fighter israeliani che solitamente sorvolano la zona e oggi molto di più, ma niente razzi né esplosioni». Lo racconta all'Adnkronos Andrea Tenenti, portavoce Unifil dopo la decisione delle forze di difesa israeliane di vietare l'ingresso ai civili in un'area vicino a Metulla, città al confine tra Israele e il Libano.

Hamas: lanciati missili su aeroporto Tel Aviv

Hamas ha lanciato un attacco missilistico sull'aeroporto di Tel Aviv Ben Gurion. Lo rende noto l'ala militare in un comunicato riportato dalla Tass.

Hezbollah: parteciperemo a questa operazione secondo i nostri piani

«Tutti aspettano di sapere cosa farà Hezbollah. Hezbollah conosce le sue responsabilità. Siamo pienamente preparati e monitoriamo gli sviluppi in ogni momento. Parteciperemo a questa operazione secondo i nostri piani e la nostra visione». Lo ha affermato, riferisce l'Orient le Jour, Naim Qassem, numero due del partito armato libanese filoiraniano Hezbollah, parlando alla folla riunita per una manifestazione di sostegno a Gaza nei pressi della moschea Moujtdaba, nella periferia sud di Beirut.

«L'operazione Al-Aqsa Flood è un successo a tutti i livelli e una pietra miliare storica unica. Costituirà un punto di riferimento per tutti i combattenti della resistenza che - ha detto ancora Qassem - ci avvicinerà alla liberazione della Palestina».

"Hamas blocca strade per impedire fuga degli abitanti"

«Hamas sta erigendo posti di blocco e barriere per impedire agli abitanti di lasciare Gaza City»: lo ha affermato il portavoce militare di Israele Danie Hagari in una conferenza stampa. «Hamas è peggio dell'Isis, - ha aggiunto. - Ora ha gettato la maschera». Richiesto se nel contesto della evacuazione forzata degli abitanti di Gaza Israele si asterrà comunque dal colpire gli ospedali, Hagari ha risposto: «Faremo del nostro meglio per non colpire località sensibili. Ma in passato Hamas ha sfruttato ospedali, scuole e moschee come scudi per difendere le sue infrastrutture militari».

Tajani arrivato in Israele

Il ministro degli Esteri Antonio Tajani è arrivato in Israele. La prima tappa sarà nel sud del Pase, a ridosso di Gaza, luogo dell'attacco di Hamas e dove incontrerà il ministro degli Esteri Eli Cohen. Il ministro vedrà alcuni parenti degli ostaggi e visiterà posti colpiti dai razzi di Hamas. Nella sede dell'ambasciata italiana incontrerà alcuni familiari degli italo-israeliani al momento scomparsi.

Ministro esteri Iran: fermare assedio su Gaza

Il ministro degli Esteri iraniano Hossein Amir-Abdollahian ha affermato oggi a Beirut, durante il suo incontro col leader degli Hezbollah alleati di Hamas, che «bisogna rompere l'assedio imposto sulla Striscia di Gaza». Citato dalla tv al Manar, Amir-Abdollahian ha ribadito che l'Iran è «solidale con i fratelli palestinesi» e che «bisogna fare di tutto per portare aiuti umanitari» alla popolazione della Striscia.

Hamas lancia centinaia di razzi su Ashkelon

Hamas ha rivendicato il lancio di almeno 150 razzi su Ashkelon, nel sud di Israele, dopo l'annuncio da parte dell'esercito israeliano alla popolazione della Striscia di ritararsi dal nord dell'enclave palestinese. Alcune immagini diffuse dai media mostrano numerosi intercettamenti in cielo da parte dell'Iron Dome sulla città.

Esodo da Gaza, molte famiglie in marcia

Molte migliaia di persone hanno lasciato a precipizio stamane le proprie abitazioni a Gaza City e si stanno dirigendo a sud in seguito all'avvertimento dell'esercito israeliano secondo cui il nord della Striscia diventerà zona di operazioni militari.

Fonti locali riferiscono che chi non dispone di mezzi di trasporto sta procedendo a piedi con qualche bagaglio in mano. È una marcia di almeno 10 chilometri, intrapresa da famiglie intere. Una fonte dell'ospedale al-Quds ha detto all'ANSA che medici e pazienti resteranno nella zona di pericolo, in assenza di ambulanze e di soluzioni adeguate per il ricovero dei malati più gravi.

Hamas: 13 ostaggi uccisi da bombardamenti Israele

«Sei prigionieri sono stati uccisi nel Governatorato del Nord e sette nel Governatorato di Gaza a seguito dei bombardamenti nemici». Lo affermano le Brigade al-Qassam, braccio armato di Hamas, secondo quanto riporta la tv satellitare al-Jazeera.

Ci sarebbero «stranieri» tra i «13 prigionieri» che sarebbero rimasti uccisi in raid israeliani «nelle ultime 24 ore» sulla Striscia di Gaza. Lo affermano le Brigate al-Qassam, braccio armato di Hamas, senza fornire dettagli sulla nazionalità delle persone che sarebbero rimaste uccise.

"Hamas blocca persone dirette verso sud"

Hamas ha bloccato diverse persone che, a seguito dell'ordine di evacuazione dato da Israele, hanno lasciato le loro abitazioni per dirigersi verso il sud della Striscia di Gaza. Lo hanno riferito testimoni citati dall'agenzia Dpa, precisando che l'organizzazione islamista palestinese ha dato ordine di ritornare verso il nord dell'enclave palestinese.

Sempre secondo le fonti citate dalla Dpa, nella Striscia starebbe montando il panico anche a causa della mancanza di indicazioni chiare da parte di Hamas. Stano all'Onu, oltre un milione di persone sarebbe coinvolto nell'evacuazione ordinata da Israele.

Israele: nella notte colpiti 750 obiettivi militari Hamas

Le forze israeliane hanno colpito la notte scorsa «750 obiettivi militari, tra cui tunnel sotterranei del terrore di Hamas, compound e postazioni militari, residenze di alti esponenti del terrorismo utilizzate come centri di comando militare, magazzini di stoccaggio delle armi, sale di comunicazione e hanno preso di mira alti esponenti del terrorismo». Lo ha reso noto questa mattina l'Aeronautica militare israeliana su X.

Hamas ai cittadini di Gaza: "Non lasciate casa"

Il ministero dell'Interno di Hamas a Gaza ha invitato la popolazione del nord della Striscia a non muoversi dalle proprie case definendo l'annuncio dell'esercito di Israele «propaganda».

Israele ordina l'evacuazione di Gaza City verso sud

L'esercito israeliano ha ordinato ai civili di Gaza City di evacuare «dalle loro case verso sud per la loro sicurezza e protezione e di spostarsi nell'area a sud del Wadi di Gaza».

In una nota le forze dello Stato ebraico sottolineano che «l'organizzazione terroristica Hamas ha intrapreso una guerra contro lo Stato di Israele e Gaza City è un'area in cui si svolgono le operazioni militari. Questa evacuazione è per la vostra sicurezza». «Potrete tornare a Gaza City solo quando verrà fatto un altro annuncio che lo consentirà. Non avvicinatevi all'area della barriera di sicurezza con lo Stato di Israele», ha aggiunto l'esercito, secondo cui «i terroristi di Hamas si nascondono a Gaza City nei tunnel sotto le case e all'interno di edifici popolati da civili innocenti».

«Civili di Gaza City, evacuate a sud per la vostra sicurezza e quella delle vostre famiglie e prendete le distanze dai terroristi di Hamas che vi usano come scudi umani - si conclude la nota - Nei prossimi giorni, l'Idf continuerà a operare in modo significativo a Gaza City e farà grandi sforzi per evitare colpire i civili».

Washington Post: "Israele usa bombe al fosforo bianco per colpire centri abitati"

Un video di mercoledì su uno degli attacchi di Israele a Gaza sembra mostrare l'uso di fosforo bianco, la controversa munizione incendiaria vietata dalle convenzioni internazionali per colpire i centri abitati. Convenzioni che pero Israele ha accettato, ma con riserva.  Lo riporta il Washington Post citando un'analisi di Human Rights Watch. Il video, verificato dal Washington Post, mostra due colpi di artiglieria sparati in rapida successione verso i bersagli che, una volta esplosi, rilasciano automaticamente il fosforo bianco. In una nota Human Rights Watch ha confermato che il fosforo bianco è stato usato sopra Gaza City.

I morti nella Striscia oltre quota 1.500

Sale il bilancio nella Striscia di Gaza dopo le operazioni israeliane seguite all'attacco di Hamas di sabato. Secondo il ministero della Sanità di Gaza, sotto il controllo di Hamas, si contano almeno 1.537 morti e 6.612 feriti.

L'ordine di evacuazione

L'Onu è stata informata dall'esercito israeliano dell'ordine di «ricollocare» circa 1,1 milioni di residenti dal nord della Striscia di Gaza al sud entro 24 ore, ha detto all'AFP il portavoce del segretario generale dell'organizzazione, Stéphane Dujarric, chiedendo che questo ordine venga annullato.

Ieri sera i funzionari delle Nazioni Unite a Gaza «sono stati informati dai loro ufficiali di collegamento militari israeliani che l'intera popolazione a nord di Wadi Gaza sarebbe stata trasferita a sud entro 24 ore». Secondo Dujarric, un'evacuazione di tale portata è «impossibile senza causare conseguenze umanitarie devastanti»

Salvati 250 ostaggi

«L'unità d'élite della Flotilla 13 è stata schierata nell'area circostante la barriera di sicurezza di Gaza in uno sforzo congiunto per riprendere il controllo della postazione militare di Sufa il 7 ottobre. I soldati hanno portato in salvo circa 250 ostaggi in vita. Oltre 60 terroristi di Hamas sono stati neutralizzati e 26 arrestati, tra cui Muhammad Abu Àali, il vice comandante della divisione navale meridionale di Hamas». Lo scrivono le Forze di Difesa israeliane (Idf) in un post su X. 

Leggi l'articolo completo su
Il Messaggero