Esce dal carcere dopo un'amnistia per il coronavirus: 33enne uccide la figlia di 9 anni

Esce dal carcere dopo un'amnistia per il coronavirus: 33enne uccide la figlia di 9 anni
Non ha fatto in tempo a mettere piede fuori dal carcere che la sua indole violenta si è manifestata nuovamente. Muslum Aslan, 33enne di Gaziantep, in Turchia, è...

Accedi all'articolo e a tutti i contenuti del sito
con l'app dedicata, le newsletter, i podcast e gli aggiornamenti live.

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
159,98€
40€
Per 2 anni
SCEGLI ORA
OFFERTA MIGLIORE
ANNUALE
79,99€
19€
Per 1 anno
SCEGLI ORA
 
MENSILE
6,99€
1€ AL MESE
Per 6 mesi
SCEGLI ORA

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
159,98€
29€
Per 2 anni
SCEGLI ORA
OFFERTA MIGLIORE
ANNUALE
79,99€
11,99€
Per 1 anno
SCEGLI ORA
 
MENSILE
6,99€
2€ AL MESE
Per 12 mesi
SCEGLI ORA

- oppure -

Sottoscrivi l'abbonamento pagando con Google

OFFERTA SPECIALE

Leggi l'articolo e tutto il sito ilmessaggero.it

1 Anno a 9,99€ 89,99€

oppure
1€ al mese per 6 mesi

Rinnovo automatico. Disattiva quando vuoi.

L'abbonamento include:

  • Accesso illimitato agli articoli su sito e app
  • La newsletter del Buongiorno delle 7:30
  • La newsletter Ore18 per gli aggiornamenti della giornata
  • I podcast delle nostre firme
  • Approfondimenti e aggiornamenti live
Non ha fatto in tempo a mettere piede fuori dal carcere che la sua indole violenta si è manifestata nuovamente. Muslum Aslan, 33enne di Gaziantep, in Turchia, è finito nuovamente dietro le sbarre per aver massacrato di botte Ceylan, la figlia di 9 anni. Appena un anno fa era finito in carcere per aver accoltellato sua moglie, Rukiye Aslan, che fortunatamente era riuscita a sopravvivere all’aggressione.

Uccide con una spranga figlia di 4 anni e si getta in un pozzo: tragedia in provincia di Arezzo 

Nei giorni scorsi Muslum era stato liberato grazie a un’amnistia che ha consentito la liberazione dei detenuti dalle sovraffollate carceri turche, dove si rischiava una strage se il coronavirus fosse riuscito a fare breccia. Appena uscito di prigione, però, l’uomo è andato dalla moglie, dalla quale ha chiesto il divorzio, esprimendo il desiderio di poter vedere i tre figli. L’uomo li ha portati via con sé, ma pochi giorni dopo ha ucciso di botte la piccola Ceylan. La bimba è stata portata in ospedale, ma è morta 4 giorni dopo il ricovero. Dopo l’omicidio Muslum ha messo i figli su un taxi e li ha spediti a casa della moglie prima di darsi a una fuga che è durata poco. È stato acciuffato dalla polizia ed è stato nuovamente arrestato.

Coronavirus, il ministro Lamorgese: «Risposte immediate alle vittime di violenza»
 
«Ha sempre usato violenza contro i miei figli - ha detto Rukiye - Ha appeso mia figlia maggiore per le braccia a un muro e l’ha colpita con un tubo. L’ha lasciata in un lago di sangue prima di rimandare gli altri due miei figli a casa su un taxi. Mia figlia è morta. Voglio che questo omicidio venga punito pesantemente».
 
La morte di Ceylan ha scatenato la rabbia delle attiviste per i diritti delle donne, che hanno criticato il rilascio di criminali autori di violenze domestiche. “We Will Stop Femicide”, un'organizzazione che promuove campagne contro la violenza domestica, ha dichiarato: «Bisogna prendere provvedimenti immediati per proteggere donne e bambini dalle violenze dopo l’amnistia». L'organizzazione ha affermato che almeno 29 donne sono state uccise tra l'11 marzo, quando la Turchia ha comunicato il suo primo caso di Covid-19, e la fine di marzo. Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Scosse come 130 atomiche. Oltre 4.300 morti Si continua a scavare, un italiano tra i dispersi
Perché il sisma è stato così devastante? Le analogie con la faglia di San Andreas
Montella: «Scosse senza fine, a fuoco il mio hotel ad Adana. I giocatori sono preoccupati»
Pigiamini insanguinati e salvataggi da film: il dramma dei sepolti vivi. I bimbi sorpresi nel sonno
«Abbiamo visto l’inferno. Un boato, poi il terrore». Il racconto di un abruzzese a Gaziantep