Molestie a scuola, un codice per i prof: «Niente chat private»

Messaggini online, confidenze troppo intime e amicizie social che travalicano quello che dovrebbe essere il corretto rapporto di fiducia tra un docente e i suoi studenti: su questo aspetto serve una regolamentazione che, secondo l’Aran, deve tradursi in divieti veri e propri con tanto di pesanti sanzioni disciplinari. Nel vecchio contratto della scuola, scaduto ormai da 9 anni, non erano previsti paletti per l’uso dei social network con la classe. 

Una necessità che si fa sentire ora perché probabilmente è figlia dei tempi, sia per il dilagare di gruppi whatsapp tra famiglie, insegnanti e adolescenti sia per l’abuso di quanti, anche negli ultimi giorni, hanno portato tristemente alla ribalta il fenomeno dei messaggini hot tra il professore attempato e la giovane studentessa rimasta vittima di abusi. L’ultimo caso in ordine di tempo è scoppiato all’istituto Massimiliano Massimo, prestigioso liceo della Roma bene, dove un docente è finito in manette per violenza su una studentessa a cui impartiva ripetizioni private. 
Tra gli abusi si annoverano, oltre a quelli fisici, anche continui messaggini a sfondo sessuale. Ma non è che l’ultimo dei casi: al liceo Tasso un professore è stato accusato da alcune alunne per aver inviato loro messaggi osceni. 

LE INDICAZIONI
E così arriva la stretta dall’Aran. I docenti in base al nuovo contratto, così come è stato impostato, dovranno «limitare l’interazione a mezzo dei canali sociali informatici con gli studenti alle sole informazioni di servizio e alle interazioni necessarie per lo svolgimento della funzione di educazione, di istruzione e di orientamento». Saranno quindi ammessi messaggi funzionali alla lezione e all’organizzazione della classe ma niente di più. Altrimenti il docente rischia grosso anche in ambito lavorativo. 

LA NORMA
Le sanzioni infatti, in base alla gravità del fatto, vanno dal rimprovero verbale al licenziamento con o senza preavviso, passando per il rimprovero scritto, la multa fino ad un massimo di quattro ore di retribuzione e la sospensione dal servizio con la privazione della retribuzione da 11 giorni fino a un massimo di 6 mesi. La norma è contenuta nel contratto che, in questi giorni, si sta discutendo all’Aran con i sindacati: la discussione è ferma agli aspetti sindacali ma dovrà necessariamente affrontare anche l’aspetto disciplinare che va dal rispetto del ruolo e dei luoghi di lavoro, all’orario e alle assenze dalla classe. 

Ma la questione dei social, fino ad ora, non si era mai presentata. Ed oggi, dopo quanto accaduto al Massimo, la discussione si farà ancora più pressante. Da un lato si fa sentire la necessità di una regolamentazione dell’uso dei social, dall’altro per i sindacati è importante anche il rispetto della libertà di insegnamento. «Intendiamoci - commenta Pino Turi, segretario generale Uil Scuola - l’abuso di minore è un atto assolutamente deprecabile, quello da parte di un docente su una sua studentessa lo è doppiamente. Non vogliamo proteggere nessuno, anzi, vogliamo eliminare le mele marce. Ma è opportuno ragionare con calma e non sull’onda dell’emozione: siamo disposti anche ad intensificare le sanzioni ma non possiamo far diventare tutti colpevoli. Le chat si usano spesso a scuola e nella maggior parte dei casi servono alla didattica. Ragioniamo su come regolamentare l’uso dei social, senza ledere la libertà di insegnamento». 

I SOCIAL
In effetti la scuola italiana fa largo uso dei social, anche in classe, come forma di comunicazione tra docenti e famiglie ma anche tra docenti e ragazzi. Tanto che il ministero dell’Istruzione, con una commissione ad hoc formata da esperti, sta mettendo a punto un vademecum per usare al meglio tra i banchi smartphone e tablet. 

Le linee guida dovrebbero arrivare entro gennaio, nonostante le polemiche che su questo punto hanno investito la ministra Fedeli che, per prima, crede nel progetto. Gli adolescenti quindi saranno autorizzati ad usare app e social per comunicare con la cattedra, come del resto fanno da anni. Manca appunto una regola per mettere i ragazzi al sicuro da orribili degenerazioni. 

Leggi l'articolo completo su Il Messaggero
Outbrain
Lancia la figlia dal viadotto sull'A14 Compagna giù dal 3° piano: morta
Salvini: «Chiuso accordo su premier e squadra di ministri, ora no veti» Domani Lega e M5S al Colle
Tav, Parigi avverte l'Italia: «Rispetti gli impegni o l'eurozona è a rischio»
Violentata a Roma, il racconto choc «Quella bestia mi mordeva il volto»
«Non possiamo andare in palestra, siamo musulmani». Alunni a Treviso rifiutano l'ora di ginnastica