Maria Grazia Chiuri: «Io da Dior, ma le mie radici sono a Roma»

«Roma è stata fondamentale nella mia formazione. Ho avuto una palestra meravigliosa con le sorelle Fendi, tutte donne. Mi ha aiutato moltissimo quando sono arrivata da Dior. "Ricordati", mi è stato subito detto, "che la nostra maison è un brand femminile"». È quanto ha dichiarato Maria Grazia Chiuri prima donna alla guida della celebre maison di moda Dior partecipando oggi ad un talk che si è svolto al Maxxi nell'ambito degli appuntamenti di Altaroma.
 
Dopo la maison Fendi, Valentino e poi la maison Dior per Maria Grazia Chiuri italianissima e romana. Quale confronto con l'universo italico dell'haute couture? «In Italia c'è una vitalità diversa per ciò che concerne la produttività. I francesi sono molto forti sulla promozione dei loro prodotti. Hanno capacità straordinarie e lo fanno in modo eccellente. Ma non si tratta, a mio avviso -ha continuato la stilista, prima donna a dirigere Dior- di un macht di football Francia-Italia. Piuttosto impariamo ad apprendere anche dagli altri. Il nostro è un lavoro che si evolve. Non dobbiamo accontentarci mai. Ma la moda italiana -ha proseguito ancora- non nascondiamolo, è molto più sartoriale.

L'alta moda francese è molto più scenografica. Non voglio rinunciare a nessuna della due cose. Sto provando a metterle insieme spero funzioni». «Ma c'è un'altra differenza -ha sottolineato ancora Maria Grazia Chiuri- in Francia le istituzioni ti facilitano la vita, ti sostengono. Non smetto mai di ripetere che la moda è pop ed ha una audience molto, molto ampia. Oltre 750mila persone hanno visitato la mostra dedicata a Dior a Parigi. Con Silvia Venturini Fendi da anni stiamo provando a poter fare qualcosa a Roma. Non ci siamo ancora riuscite».

Leggi l'articolo completo su Il Messaggero
Outbrain
Il Consiglio superiore di Sanità: no alla vendita di cannabis light
Maturità, seconda prova: le tracce Al Liceo Classico esce Aristotele Matematica, ecco i problemi scelti
Migranti, strappo Italia su bozza Ue
Lanzalone ai pm: «Così correggevo il progetto stadio»
Melania fa liberare i bimbi dalle gabbie