Macerata, Orlando: «Ho ricevuto minacce, ma i fascisti poi scappano»

Per le loro affermazioni dopo i fatti di Macerata Berlusconi e Salvini «si qualificano per quello che sono, degli irresponsabili, dare una forma di giustificazione a un comportamento criminale e terroristico è un modo per sdoganarlo e dargli un valore politico, è un rischio enorme». Lo ha detto a Radio Capital il ministro della Giustizia Andrea Orlando,

«Quest'anno - ha proseguito Orlando - il numero degli stranieri presenti in Italia, dopo anni, è diminuito: sono più gli italiani andati all'estero che gli stranieri arrivati. Berlusconi cosa direbbe se anche gli altri Paesi rimandassero indietro i nostri concittadini? I fenomeni vanno regolati, certo, ma questo modo di ragionare disonora il paese, la Costituzione e quella che pomposamente chiamano patria, che è una cifra di civiltà e di valori».

«Non è stato possibile incontrare ieri» la famiglia di Pamela Mastropietro, la ragazza assassinata, «ho sentito telefonicamente lo zio della ragazza, che è anche legale della famiglia, che mi ha ringraziato di averlo cercato, penso ci vedremo nei prossimi giorni», ha proseguito Orlando. «Vi è ipocrisia: ci si muove per lo sdegno di questa vicenda ma poi chi si dice sdegnato si approfitta e diffonde particolari sulla vita della ragazza. Raccolgo l'appello dello zio che chiede pietas sulla ragazza rispetto a ricostruzioni che non hanno nulla a che vedere con la vicenda», ha concluso Orlando.


Parlando delle minacce ricevute dopo la sua visita di ieri ai feriti ha poi detto: «Ho ricevuto minacce, anche nei confronti dei miei familiari, ma sono stato cresciuto da combattenti partigiani che mi hanno insegnato che i fascisti non vanno tenuti in considerazione, al momento buono scappano».

Leggi l'articolo completo su Il Messaggero
Outbrain
M5S: improbabile Conte oggi al Colle
Il mostro del Circeo: «Uccidemmo anche una 17enne sul Trasimeno»
Harvey Weinstein si consegna alla polizia di Ny: «Accusa di stupro» Pagata cauzione di un milione
Papà stuprava la figlia dodicenne, «Così puoi difenderti da chi vuole violentare». Arrestato dai carabinieri
Branco di minorenni stupra una dodicenne nel Napoletano