M5S, virata tattica a sinistra per conquistare il Sud

ROMA La sera del 27 novembre scorso, agli albori della campagna elettorale, il leader M5S Luigi Di Maio spuntava dagli schermi del Tg1 con la seguente dichiarazione: «Berlusconi mi attacca ma io non gli rispondo. Mio padre votava Forza Italia perché aspettava la rivoluzione liberale, quella dell'abbassamento delle tasse e della sburocratizzazione. In 20 anni Berlusconi non è stato capace. La faremo noi questa rivoluzione, porteremo avanti quel disegno che lui voleva portare avanti per le imprese». Da allora,...

Leggi l'articolo completo su Il Messaggero
Outbrain
Di Maio: «Censire i raccomandati Rai e della PA I rom? Salvini si è corretto»
Migranti, ecco il piano europeo Merkel e Macron aprono all'Italia «Centri di sbarco in Tunisia»
Gli Usa escono dal Consiglio dei Diritti Umani dell'Onu: «È un organismo ipocrita ed egoista »
Un collaboratore di Parnasi ai pm: «Soldi ad almeno un funzionario pubblico»
Stadio, Parnasi e i soldi ai politici «Pagava loro e non gli stipendi» Anteprima sul Messaggero Digital