Reddito, Raffaella Parvolo riceve la card ed esulta su Fb: «Alla faccia di chi lavora». Ma è una messinscena

Sul reddito di cittadinanza basta nulla per scatenare una bufera, persino una normale PostePay spacciata per l'agognata card. A causare la perfetta tempesta social è stata Raffaella Parvolopersonaggio noto su Facebook per cose come l'essere convinta di essere la sosia di Rafaella Fico. L'ultima provocazione/bufala di questa signora è l'aver pubblicato una foto in cui, insieme al compagno, tiene in bella vista due card PostePay ed esulta: «Alla faccia di chi va a lavorare».

Raffaella Parvolo, chi è la donna convinta di essere la sosia di Raffaella Fico
Reddito di cittadinanza, boom di richieste dagli stranieri, ma ad aprile le domande totali rallentano



L'intento è chiaro: scatenare la rabbia e i commenti furiosi di chi abbocca. E non sono pochi. Il post di Francesca Parvolo ha tutti gli ingredienti per colpire su più fronti perché non si limita a solleticare la pancia di chi considera il reddito di cittadinanza una misura per ricevere soldi per star sul divano, ma mette in fila un'esca dopo l'altra, ora alludendo ai migranti che lavorano nei campi di pomodori, ora definendo i siciliani "sicilianesi". Eccolo qua: «Alla faccia di chi va a lavorare x mille euro al mese, pulire i bagni, raccogliere le arance nei campi come fanno i sicilianesi, o guidare le pecore x i campi come fanno i sardegnoli. X noi oggi è un giorno Santo, siamo diventati dei turisti x sempre. Guardate il mio compagno che felice che è, ci è arrivato il reddito di cittadinanza. Ora potremmo andare in ferie e comprarci una casa nuova. Grazie 5 stelle,noi vi voteremmo sempre. Baci sparsi dalla donna più seguita e amata d'italia».

Come voluto e previsto la bufera si verifica ma per fortuna tra i commenti c'è anche chi nota il dettaglio che svela il bluff: «Peccato che quella in foto sia una normalissima Postepay», scrive infatti un utente. E un altro va più nel dettaglio: «Me la ricordavo diversa, (la card del reddito, ndr) è circuito mastercard, la vostra è visa, è una semplice postepay da 5 euro, sicuramente vuota e credo che lo sarà per molto tempo».


 
  Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Cinema e teatri, Costa: «Verso capienza al 75-80%». Stallo sulle discoteche
Johnson&Johnson: «Seconda dose due mesi dopo la prima garantisce maggiore protezione»
Vaccino ai bimbi di 5-11 anni. Bassetti: «Via libera senza indugi». Vaia: «Aspettiamo, è troppo presto»
Papa Francesco: «C'è chi mi voleva morto e pensava già al conclave, ma sto bene»
Sci, in pista con il Green pass: le regole per la ripartenza, si prepara così la nuova stagione