Giulia Cecchettin, il super-testimone Marco Musumeci: «Sono stato io a chiamare il 112 dopo aver sentito le urla»

«Erano circa le 23 e un quarto. Non posso aggiungere altro, ho già riferito tutto ai carabinieri e alla famiglia»

Si chiama Marco Musumeci il super-testimone che per primo ha dato l'allarme la notte dell'11 novembre, alle 23.15 circa, dopo aver sentito Giulia Cecchettin e Filippo...

Continua a leggere con la Promo Speciale:

X
Offerta Speciale
ANNUALE
19 €
79,99€
Per 1 anno
SCEGLI
MENSILE
2 €
6,99€
Per 12 mesi
SCEGLI
2 ANNI
40 €
159,98€
Per 2 anni
SCEGLI

VANTAGGI INCLUSI

  • Tutti gli articoli del sito, anche da app
  • Approfondimenti e newsletter esclusive
  • I podcast delle nostre firme

- oppure -

Sottoscrivi l'abbonamento pagando con Google

OFFERTA SPECIALE

OFFERTA SPECIALE
MENSILE
6,99€
1€ AL MESE
Per 6 mesi
SCEGLI ORA
ANNUALE
79,99€
11,99€
Per 1 anno
SCEGLI ORA
2 ANNI
159,98€
29€
Per 2 anni
SCEGLI ORA
OFFERTA SPECIALE

Tutto il sito - Mese

6,99€ 1 € al mese x 12 mesi

Poi solo 4,99€ invece di 6,99€/mese

oppure
1€ al mese per 6 mesi

Tutto il sito - Anno

79,99€ 9,99 € per 1 anno

Poi solo 49,99€ invece di 79,99€/anno

Si chiama Marco Musumeci il super-testimone che per primo ha dato l'allarme la notte dell'11 novembre, alle 23.15 circa, dopo aver sentito Giulia Cecchettin e Filippo Turetta nel parcheggio a 150 metri da casa della ragazza. «Sì, sono stato io a chiamare il 112 quella notte, certo. Che ore erano? Circa le 23 e un quarto, su per giù. Se ho sentito chiamare aiuto? Non posso rilasciare altre dichiarazioni. Ho già detto tutto ai carabinieri e ai familiari della ragazza», ha detto l'uomo parlando al citofono della sua abitazione. 

La ricostruzione di quei ventidue minuti

È anche dal racconto di Musumeci che sono partite le indagini, che ora continuano con qualche dato in più. In particolare sui tempi e gli spostamenti. Alle 23.18 il teste segnala l'aggressione in via Aldo Moro, a circa 150 metri da casa Cecchettin. Una voce femminile urla «così mi fai male» chiedendo ripetutamente aiuto. Poi il teste vede «calciare violentemente una sagoma che si trovava a terra» e poi la Punto allontanarsi. È qui che sono state trovate tracce di sangue e un coltello da cucina di 21 centimetri, senza manico, assieme un'impronta di calzatura, sporca probabilmente di sangue.

La seconda aggressione a Fossò

Dalle telecamere di Fossò, distante da Vigonovo circa 6 chilometri, è quindi emerso che Giulia, ferita ma non gravemente, sarebbe riuscita a fuggire venendo inseguita da Filippo, che l'ha scaraventata a terra, cade all'altezza del marciapiede e non si muove più. L'aggressore la muove, poi va a prendere la macchina, la carica probabilmente nel sedile posteriore e fugge. Sul marciapiede sono stati poi trovati sangue con capelli sullo spigolo stradale e un pezzo di nastro telato argentato intriso di sangue e capelli «probabilmente applicato alla vittima per impedirle di parlare», scrive il giudice. Anche qui è stata poi trovata una impronta sporca di sangue di una calzatura, risultata compatibile con quella del parcheggio di Vigonovo. Erano le 23.40. Alle 23.50 la Punto nera è uscita dall'area, poi è stata vista in vari punti delle province di Venezia, Treviso. L'ultima inquadratura è alle 9.07 del 12 novembre, da Cortina in direzione Dobbiaco.

Leggi l'articolo completo su
Il Messaggero