Influenza, il picco a metà gennaio: rischi maggiori per bimbi e anziani. In Puglia 3 morti

Il picco dell'influenza è prevedibile si verifichi a metà gennaio, con rischi maggiori per anziani e bambini. Ad affermarlo è la Società Italiana di Malattie Infettive e Tropicali (SIMIT), che invita a fare attenzione all'uso degli antibiotici e ribadisce l'utilità del vaccino. Intanto, dalle regioni, arrivano segnalazioni di decessi di fronte a casi gravi. Tre morti e sei ammalati ricoverati in gravi condizioni in rianimazione a causa dell' influenza in Puglia. I dati sono forniti dall'Osservatorio epidemiologico regionale pugliese. Le vittime sono tre uomini pugliesi ricoverati a Bari: un 58enne affetto da ipertensione, un 86enne e un 73enne affetti entrambi da diverse patologie. Sono invece ricoverati in diversi nosocomi pugliesi i sei pazienti in gravi condizioni, quattro dei quali sono stati trasferiti stamattina dall'ospedale San Paolo di Bari alla rianimazione del Policlinico. 

Due pazienti, di 47 e 49 anni, sono ricoverati in coma nel reparto di terapia intensiva dell'ospedale di Udine perché affetti da influenza. Uno dei due, un paziente diabetico, è arrivato in ospedale con una grave insufficienza respiratoria e le analisi hanno confermato la causa dell' influenza di tipo b. Le sue condizioni sono serie ma in leggero miglioramento. L'altro, un paziente apparentemente privo di fattori di rischio, con un quadro clinico di grave broncopolmonite, la conferma dovrebbe arrivare oggi all'esito delle analisi di laboratorio. Nessuno dei due era vaccinato. 

Negli ultimi giorni dell'anno, rileva la Simit, «sono state colpite in Italia oltre 673mila persone registrate, per un totale di oltre 2 milioni di italiani interessati dall'inizio dell'epidemia. E sono soprattutto i bambini i più colpiti, tra i 5 e i 14 anni, mentre le regioni con più casi sono Piemonte, Emilia Romagna, Toscana, Lazio e Calabria». «Il picco quest'anno dalla metà di gennaio è in linea con le previsioni - rileva Massimo Galli, Presidente SIMIT - mentre lo scorso anno il picco fu registrato a dicembre. Il fatto che vengano colpiti i bambini suggerisce che i ceppi implicati quest'anno trovano nella popolazione infantile un particolare contesto di suscettibilità».

Quanto ai consigli, rileva la SIMIT, è essenziale rimanere a riposo e al caldo, bere bevande calde, usare antiinfiammatori e antipiretici. Inoltre, è da auspicare un uso consapevole degli antibiotici, solo nei casi di complicanze batteriche. In genere vanno invece evitati, poiché si tratta di forme virali che possono essere curate con terapia sintomatica. È «ancora consigliato - afferma inoltre Claudio Mastroianni, Segretario SIMIT e Direttore della Unità Malattie infettive del Policlinico Umberto I di Roma - l'uso del vaccino antiinfluenzale, la principale arma a nostra disposizione». L'influenza infatti, rileva, «non si esaurirà prima di fine febbraio. A marzo e aprile, invece, potrebbero giungere da noi altre forme virali respiratorie che possono causare sindromi simil-influenzali. A rischio saranno ancora gli anziani, con comorbidità che possono andare incontro a complicanze polmonari e cardiache. È importante che questi pazienti vengano costantemente monitorati dal medico di base. Non è tuttavia consigliato il ricovero - conclude - se non in presenza di complicanze particolari».

Leggi l'articolo completo su Il Messaggero
Outbrain
Conte: «Commissario e 5 milioni per l'emergenza revocheremo la concessione ad Autostrade»
L'esperto: «Crollo causato da difetto di progettazione Condizioni estreme per la pila»
Morti 4 amici di Torre Del Greco
Elisa, morta a 34 anni. Gli amici la cercavano su Facebook: «Ti prego dai un cenno di vita»
Morta Rita Borsellino, aveva 72 anni. Era malata da tempo