Cina, giovane paralizzato alle gambe dopo 20 ore ai videogiochi. E non voleva smettere

Un ragazzo della città cinese di Jiaxing è rimasto paralizzato dalla vita in giù dopo aver giocato ai videogiochi per 20 ore consecutive in un ciber café. Il giovane aveva cominciato la gara insieme ad altri amici la sera del 27 gennaio e nel pomeriggio del giorno successivo è stato necessario l'intervento del personale medico nel locale, poiché il ragazzo, tentando di alzarsi, si è accorto di non riuscire più a muovere le gambe. 

Secondo quanto riportato dal sito locale QQ.com, all'arrivo dell'ambulanza il giovane ha chiesto ai suoi amici di portare a termine la partita da lui cominciata. Ora, il giocatore è sotto osservazione in attesa della valutazione dei danni fisici riportati.

 

Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Outbrain
Francia, il ritorno del terrore Video Spari al mercatino di Strasburgo Almeno 4 morti, ferito italiano
Brucia il centro rifiuti Salario a Roma Allarme nube. I pm: disastro colposo
Conte da Juncker, braccio di ferro finale. Deficit al 2,05% per evitare la procedura
Salvini in Israele: «Hezbollah terroristi islamici»
Eliminato il Napoli: Salah e Alisson spingono il Liverpool agli ottavi