Cina, giovane paralizzato alle gambe dopo 20 ore ai videogiochi. E non voleva smettere

Un ragazzo della città cinese di Jiaxing è rimasto paralizzato dalla vita in giù dopo aver giocato ai videogiochi per 20 ore consecutive in un ciber café. Il giovane aveva cominciato la gara insieme ad altri amici la sera del 27 gennaio e nel pomeriggio del giorno successivo è stato necessario l'intervento del personale medico nel locale, poiché il ragazzo, tentando di alzarsi, si è accorto di non riuscire più a muovere le gambe. 

Secondo quanto riportato dal sito locale QQ.com, all'arrivo dell'ambulanza il giovane ha chiesto ai suoi amici di portare a termine la partita da lui cominciata. Ora, il giocatore è sotto osservazione in attesa della valutazione dei danni fisici riportati.





 

Leggi l'articolo completo su Il Messaggero
Outbrain
Olimpiadi 2026, stop di Giorgetti: «Candidatura dell'Italia muore qui»
Rebibbia, detenuta lancia i due figlioletti dalle scale: neonato muore, grave bimbo di 2 anni
Tangenti, arrestato De Santis, il sindaco di Ponzano Romano Indagati Verdini, Ciocchetti e Coratti
Manovra, il ministro Tria: «Ridurre carico fiscale per la classe media»
Fondi Lega, raggiunto l'accordo: il partito verserà 600.000 euro l'anno