Gb, migliorano le condizioni dell'agente esposto al gas nervino

Migliorano le condizioni dell'agente esposto al gas nervino con cui è stata intossicata l'ex spia russa Sergei Skripal e la figlia Yulia, che invece continuano a essere «in condizioni molto gravi», ha reso noto la ministra degli Interni britannica Amber Rudd in una intervista a ITV, dopo aver parlato questa mattina con Mark Rowley, il responsabile dell'unità anti terrorismo di Scotland Yard che coordina le indagini, precisando «ci sono più speranze» per lui che non per gli Skripal. L'agente, che era stato il primo a intervenire dopo la denuncia che due persone erano in stato di incoscienza su una panchina di un centro commerciale di Salisbury, è riuscito per la prima volta a parlare, anche se rimane ricoverato in gravi condizioni. Nelle prossime ore, Rudd interverrà alla Camera dei comuni.

LEGGI ANCHE: Ex spia russa avvelenata con la figlia, Scotland Yard: «Attaccati con gas nervino»

Leggi l'articolo completo su Il Messaggero
Outbrain
Champions, Real Madrid-Roma 3-0: giallorossi puniti da Isco, Bale e Mariano
Auto travolge passanti a San Pietro: 5 feriti, 3 sono bambini Video
Figli uccisi a Rebibbia, la mamma: «Ora sono liberi»
Follia sulla metro B: il rapper entra in cabina e "sequestra" il treno «Così disarmo il vigilante» E l'Atac fa partire un'inchiesta
Rai, ok Vigilanza a mozione Lega Marcello Foa verso la presidenza