Francia campione del mondo di gelateria 2018 (ma l'Italia non gareggiava)

Com'era prevedibile è la Francia la squadra campione del mondo di gelateria 2018. Si è laureata a Rimini durante il Sigep, prendendo lo scettro che deteneva l'Italia che non ha partecipato alla competizione. Il regolamento esclude infatti il vincitore della precedente edizione. Al secondo posto si è qualificata l'Australia, al terzo la Spagna.

La altre nazioni partecipanti erano Argentina, Brasile, Corea, Giappone, Marocco, Polonia, Svizzera, Ucraina e USA. Le squadre erano composte da un gelatiere, un pasticciere, un cuoco e uno scultore del ghiaccio. Durante le tre giornate i maestri gelatai si sono confrontati in 8 prove di gelateria, pasticceria e alta cucina: vaschetta di gelato decorata, coppa decorata, mystery box, torta artistica gelato, alta cucina entrée, pezzi artistici e snack di gelato.

Sempre nella giornata di oggi sono stati assegnati altri premi. Maurizio Frau è il miglior maitre chocolatier d'Italia avendo vinto il campionato italiano di cioccolateria, tappa necessaria per accedere alla finale del prestigioso concorso mondiale, i World Chocolate Masters di Cacao Barry che si terranno a Parigi in ottobre. A rappresentare l'Italia sarà quindi Maurizio Frau, pastry chef sardo. «Sono emozionatissimo, è il mio sogno di bambino che si avvera», ha dichiarato Frau, scelto all'unanimità per l'eleganza, l'armonia e la pulizia delle sue esecuzioni.

Per il miglior panettone è stato premiato Nicola Fiasconaro di Castelbuono in Sicilia. «Il premio, oltre che al prodotto, riconosce il determinante ruolo svolto dall'azienda Fiasconaro nel processo di internazionalizzazione del panettone», ha motivato Federico Anzellotti (Presidente Conpait - Confederazione Pasticceri Italiani), al momento della consegna.

Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Outbrain
Chi ha usato lo spray ha un nome
Il tam tam sui social: «Riconoscete il tizio con la mascherina?»
Ragazzina 15enne esce dal coma: «Mamma non lasciarmi»
Il giallo del doppio concerto di Sferaebbasta. Su Fb: «Evento inventato, alle 22 era a Rimini»
Il dj della discoteca: «Ricevo minacce di morte ma altre volte è stata più affollata»