Florida, dopo la strage a scuola il Senato alza l'età per l'acquisto di armi: da 18 a 21 anni

La Florida alza l'età per l'acquisto delle armi. Con 20 sì e 18 no, il Senato dello Stato ha approvato una legge per rafforzare il controllo sulle armi dopo il massacro alla Stoneman Douglas High School, da cui prende il nome: tra le misure, l'aumento dell'età minima per comprare un'arma da 18 a 21 anni, un periodo di attesa di tre giorni prima di ogni acquisto, il divieto del bump stock (il potenziatore dei fucili semi automatici usato nella strage di Las Vegas) e la possibilità di armare lo staff delle scuole escludendo però i professori, a meno che non facciano parte del Junior reserve officers'training corps program, che prevede 144 ore di addestramento e il rispetto di altri criteri. Un programma, quest'ultimo, volontario e da attuare solo se il dipartimento dello sceriffo e il distretto scolastico sono d'accordo.
 

La legge, che deve essere approvata dalla Camera e firmata dal governatore, si discosta dalla posizione della Nra, la potente lobby delle armi, contraria all'aumento dell'età minima e ai nuovi limiti di attesa. Il testo non accoglie neppure la proposta di Trump di armare gli insegnanti. La legge conferisce inoltre più potere alle forze dell'ordine per sequestrate armi e munizioni alle persone ritenute mentalmente inabili o una minaccia e fornisce ulteriori fondi per gli agenti armati delle scuole e per i servizi di salute mentale.

Leggi l'articolo completo su Il Messaggero
Outbrain
Rai, ok cda a Foa per la seconda volta: quattro sì, un no e un astenuto
Di Maio: «Reddito di cittadinanza agli italiani»
Il Messaggero compie 140 anni festa a Cinecittà con Mattarella Cusenza: «È la casa dei romani»
Stadio Roma, interrogato Parnasi. Il tesoriere del Pd indagato per fondi illeciti
Attendono troppo il medico e i pazienti sbottano: «Tutta colpa di un negro»