Elezioni, assegnati i 18 seggi del voto estero: 7 vanno al Pd

Sono stati assegnati i 18 seggi del voto estero. Lo rende noto il Viminale sottolineando che si tratta di uno scrutinio non definitivo in quanto mancano alcuni verbali che sono stati trasmessi, come previsto dalla legge, alla corte d'appello. Dei 12 seggi in palio alla Camera, 5 vanno al Pd, 3 al centrodestra e uno rispettivamente a M5s, Maie, Usei e +Europa. Dei 6 seggi al Senato, il Pd e il centrodestra ne conquistano 2. Nessun seggio ai Cinquestelle mentre ne prendono uno ciascuno Maie e Usei.

LEGGI ANCHE: Elezioni, ecco tutte le maggioranze possibili

Secondo i dati provvisori, i più votati del Pd sono Massimo Ungaro, Angela Schirò, Guilherme Fausto Longo, Francesca La Marca e Nicola Carè alla Camera, Laura Garavini e Francesco Giacobbe al Senato. Per il Centrodestra dovrebbero entrare alla Camera Simone Belli, Luis Roberto di San Martino Lorenzato di Ivrea e Angela Rosaria Nissoli detta Fucsia Fitzgerald, mentre al Senato Raffaele Fantetti e Francesca Alderisi. L'unico seggio conquistato all'estero dai Cinquestelle (alla Camera) dovrebbe andare a Elisa Siragusa mentre per +Europa dovrebbe entrare, sempre alla Camera, Alessandro Fusacchia. Un deputato e un senatore rispettivamente per Maie (Alejandro Mario Borghese e Antonio Ricardo Merlo) e Usei (Eugenio Sangregorio e Adriano Cario).

Leggi l'articolo completo su Il Messaggero
Outbrain
Il Messaggero compie 140 anni festa a Cinecittà con Mattarella Cusenza: «È la casa dei romani»
Tria rassicura: «Rispetto dei conti Misure graduali, l'Iva non aumenta»
Berlusconi, Salvini e Meloni: centrodestra unito in tutte le prossime elezioni
Pieni poteri al commissario e 500 assunzioni in deroga negli enti locali
Decreto migranti e sicurezza, è tensione M5S-Lega. Conte media