Quirinale, schede bianche e voti a Mattarella: ecco perché i tempi ora rischiano di allungarsi

Quirinale, fumata nera anche al quarto scrutinio: ecco perché i tempi ora rischiano di allungarsi
La prima, la quarta o... il buio. Con l'astensione del centrodestra, le 261 schede bianche e il crescendo di voti a favore di Sergio Mattarella registrati oggi, rischiano...

Accedi all'articolo e a tutti i contenuti del sito
con l'app dedicata, le newsletter, i podcast e gli aggiornamenti live.

2 ANNI
159,98€
40€
Per 2 anni
ATTIVA SUBITO
OFFERTA FLASH
ANNUALE
79,99€
19€
Per 1 anno
ATTIVA SUBITO
 
MENSILE
6,99€
1€ AL MESE
Per 6 mesi
ATTIVA SUBITO
2 ANNI
159,98€
29€
Per 2 anni
ATTIVA SUBITO
OFFERTA FLASH
ANNUALE
79,99€
11,99€
Per 1 anno
ATTIVA SUBITO
 
MENSILE
6,99€
2€ AL MESE
Per 12 mesi
ATTIVA SUBITO

- oppure -

Sottoscrivi l'abbonamento pagando con Google

Tutta l'informazione in un click:
il sito ilmessaggero.it,
l'app dedicata, le newsletter, i podcast
e gli aggiornamenti live

OFFERTA SPECIALE

9,99 € per 1 ANNO

Promo valida oggi per chi paga tramite Google

oppure 1€ al mese per 6 mesi

La prima, la quarta o... il buio. Con l'astensione del centrodestra, le 261 schede bianche e il crescendo di voti a favore di Sergio Mattarella registrati oggi, rischiano di allungarsi ulteriormente i tempi per l'elezione del Capo dello Stato.

 

Quirinale, il cerchio si stringe: risale Draghi, spunta Cassese. Sorpresa Belloni?

 

Quirinale, i tempi del voto

Al momento infatti, un'intesa tra centrodestra e centrosinistra (o anche solo all'interno della cosiddetta "maggioranza Mario", quella che oggi supporta il premier Draghi) è tutt'altro che a portata di mano. Più nomi vengono tirati fuori e poi bruciati, più la situazione si complica. Quasi si trovasse in delle sabbie mobili, il Parlamento in seduta comune rischia di affondare dimenandosi. La contrapposizione sui nomi - scenario rigettato da tutti i leader ma ormai sostanziale - e anche l'acredine crescente di questi giorni, rischia di poter essere risolta solo con la (improbabile) ritirata di qualcuno degli astanti o con la conservazione dello status quo, Draghi-Mattarella. 

 

Gli scenari

Anche i vertici di oggi rischiano di rivelarsi inestricabili grovigli di posizioni, rivendicazioni, vendette e bandierine. A prescindere del se si arriverà o meno al doppio turno degli scrutini, e cioè a due votazioni al giorno come richiesto da una fetta sempre più importante dei partiti (Italia Viva in primis, ma anche l'intero centrodestra), la storia ci dice dopo la quarta votazione la strada per la salita al Colle diventa meno facile da percorrere. 

 

 

Per le 12 elezioni tenute fino ad oggi infatti, le possibilità sono state tre. Due volte si è riusciti a chiudere al primo scrutinio, con accordi articolati definiti già prima del voto. Per quattro volte invece, è stato necessario arrivare alla quarta, quando il quorum cala a 505, e di fatto l'intesa è più facilmente raggiungibile. Se anche alla quarta le forze politiche non sono riuscite a trovare una quadra, diventa evidente che un'intesa è ben distante dall'essere trovata. A testimoniarlo il fatto che nei quattro precedenti, si è arrivati tra la nona e la venitreesima votazione. Con la sola eccezione del mandato bis di Giorgio Napolitano che però, come rimarcò proprio il presidente, riflettè l'incapacità della politica.

 

Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Telefonata Zelensky-Draghi: ora sbloccare i porti Chiesa ortodossa ucraina si dichiara indipendente Salvini presto a Mosca
L'Ucraina sta perdendo la guerra (e il Donbass)? Ecco perché Zelensky ora chiede di tornare al «dialogo» con Putin
Putin avanza in Donbass con la tattica del macellaio della Siria (e Kiev perde 100 soldati al giorno)
Nato intercetta due jet russi vicino alla Norvegia e manda gli F-35. Oslo: «Reazione aggressiva»
Lanciafiamme russi Solntsepek, ecco come Putin sta avanzando. Ucraina: «Ci bruciano vivi»​