Elezioni Quirinale: franchi tiratori e nuovi veleni tra i poli, Salvini fallisce il blitz con Casellati ed è il grande sconfitto

Elezioni Quirinale: franchi tiratori e nuovi veleni tra i poli, Salvini fallisce il blitz con Casellati ed è il grande sconfitto
Almeno 60 franchi tiratori. Sono quelli che oggi, numeri alla mano, hanno fatto saltare il banco del centrodestra. I grandi elettori che hanno dato mandato a Matteo Salvini...

Accedi all'articolo e a tutti i contenuti del sito
con l'app dedicata, le newsletter, i podcast e gli aggiornamenti live.

2 ANNI
159,98€
40€
Per 2 anni
ATTIVA SUBITO
OFFERTA FLASH
ANNUALE
79,99€
19€
Per 1 anno
ATTIVA SUBITO
 
MENSILE
6,99€
1€ AL MESE
Per 6 mesi
ATTIVA SUBITO
2 ANNI
159,98€
29€
Per 2 anni
ATTIVA SUBITO
OFFERTA FLASH
ANNUALE
79,99€
11,99€
Per 1 anno
ATTIVA SUBITO
 
MENSILE
6,99€
2€ AL MESE
Per 12 mesi
ATTIVA SUBITO

- oppure -

Sottoscrivi l'abbonamento pagando con Google

Tutta l'informazione in un click:
il sito ilmessaggero.it,
l'app dedicata, le newsletter, i podcast
e gli aggiornamenti live

OFFERTA SPECIALE

9,99 € per 1 ANNO

Promo valida oggi per chi paga tramite Google

oppure 1€ al mese per 6 mesi

Almeno 60 franchi tiratori. Sono quelli che oggi, numeri alla mano, hanno fatto saltare il banco del centrodestra. I grandi elettori che hanno dato mandato a Matteo Salvini di trattare a nome di tutti, contavano infatti su un blocco di 453 votanti, ma le preferenze raccolte dalla presidente del Senato sono state alla fine solo 382. È fallito quindi il blitz annunciato in mattinata.

Elezioni Quirinale, Salvini: «Casellati è il massimo dopo Mattarella. Deluso da fuga centrosinistra»

Elisabetta Casellati chi è: dal padre partigiano al rapporto con Berlusconi e la presidenza al Senato

Non solo perché il Gruppo misto o i cinquestelle non hanno seguito Lega-FI-FdI sulla candidatura dell’esponente azzurro, quanto perché ci sono state delle defezioni già all’interno del centrodestra. Ora la palla torna in campo. Salvini si è detto disponibile a continuare a testare il nome della Casellati durante il voto pomeridiano delle 17. In realtà però ci si aspettava che avrebbe superato almeno quota 400 (ieri erano state 441 le astensioni), ora si attendono nuovi vertici per capire se la strategia cambierà davvero o meno. Pd-M5s-LeU attendono invece a definire una contromossa. In primissima perché non hanno ben chiaro se possono fidarsi gli uni degli altri. In secondo luogo perché, si vocifera a Montecitorio, dopo aver bruciato la seconda carica dello stato, l’alternativa rimanente è solo Mattarella.

 

Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Prezzi folli nelle bollette, ma quando entra in Italia il gas costa 4 volte meno
Zelensky: «Mosca vuole il Donbass in cenere» Cnn: Biden invierà missili a lungo raggio a Kiev
A Mariupol i bambini non avranno le vacanze: in estate andranno a scuola per imparare il russo
L'uomo più ricco d'Ucraina fa causa alla Russia per le bombe: chiede 20 miliardi di risarcimento
Lo squadrone della morte di Putin: ecco gli 8 «mostri di Motyzhyn» colpevoli di 14 crimini di guerra