Smart working prorogato a lavoratori fragili e genitori di under 14 (sia per dipendenti pubblici che privati)

Il diritto a prestare servizio da casa sarà esteso attraverso il prossimo decreto Milleproroghe

Smart working, proroga a fragili e genitori di under 14 per pubblico e privato
Buone notizie per i lavoratori fragili del pubblico e del privato. Come anticipato dal Messaggero, il governo si prepara a prorogare la possibilità per questa categoria di...

Accedi all'articolo e a tutti i contenuti del sito
con l'app dedicata, le newsletter, i podcast e gli aggiornamenti live.

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
159,98€
40€
Per 2 anni
SCEGLI ORA
OFFERTA MIGLIORE
ANNUALE
79,99€
19€
Per 1 anno
SCEGLI ORA
 
MENSILE
6,99€
1€ AL MESE
Per 6 mesi
SCEGLI ORA

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
159,98€
29€
Per 2 anni
SCEGLI ORA
OFFERTA MIGLIORE
ANNUALE
79,99€
11,99€
Per 1 anno
SCEGLI ORA
 
MENSILE
6,99€
2€ AL MESE
Per 12 mesi
SCEGLI ORA

- oppure -

Sottoscrivi l'abbonamento pagando con Google

OFFERTA SPECIALE

Leggi l'articolo e tutto il sito ilmessaggero.it

1 Anno a 9,99€ 89,99€

oppure
1€ al mese per 6 mesi

Rinnovo automatico. Disattiva quando vuoi.

L'abbonamento include:

  • Accesso illimitato agli articoli su sito e app
  • La newsletter del Buongiorno delle 7:30
  • La newsletter Ore18 per gli aggiornamenti della giornata
  • I podcast delle nostre firme
  • Approfondimenti e aggiornamenti live

Buone notizie per i lavoratori fragili del pubblico e del privato. Come anticipato dal Messaggero, il governo si prepara a prorogare la possibilità per questa categoria di lavoratori (ma anche per i genitori con figli under 14) di ricorrere allo smart working semplificato. Oggi, nella Pubblica amministrazione il lavoro agile è regolato da accordi individuali tra datore di lavoro e singolo dipendente, ma i fragili, ovvero gli statali affetti da gravi patologie individuate dal ministero della Salute e certificate da Asl e medici di base, beneficiano di una corsia preferenziale. Il governo Draghi, con il decreto Aiuti bis di questa estate, ha allungato le tutele per i lavoratori a rischio solo fino alla fine dell’anno.

Smart working, si va verso proroga (per fragili e chi ha figli under 14) anche per i dipendenti privati

Smart working, arriva la proroga

La proroga è allo studio del Governo, come confermato anche dal ministero del Lavoro. L’idea è di inserirla nel prossimo decreto Milleproroghe per favorire la prevenzione dalla diffusione da contagi Covid nei luoghi di lavoro, considerato che il virus continua a mordere. Ma chi sono i fragili? I chemioterapici, gli immunodepressi, i portatori di disabilità, gli ammalati di patologie degenerative individuate dal ministero della Salute. Lo smart working semplificato è previsto, come detto, anche per i genitori con figli under 14, nel privato come nel pubblico, a patto chiaramente che svolgano mansioni compatibili con il lavoro da remoto.

Da gennaio, inoltre, le aziende non potranno più ricorrere allo smart working con decisioni unilaterali. Nel privato, infatti, a differenza di quanto avviene nel pubblico, il lavoro agile non è ancora disciplinato dagli accordi individuali. Intanto, secondo i dati in possesso dell’Osservatorio sullo smart working del Politecnico di Milano, in Italia ora lavorano quasi 3,6 milioni di smart worker, che nel 2023 dovrebbero aumentare fino a raggiungere quota 3,63 milioni, proprio per effetto di una nuova fiammata del lavoro agile nella Pa.

In pandemia oltre 5 milioni di persone hanno fornito la prestazione lavorativa da remoto. Il precedente esecutivo ha spinto molto a favore del lavoro in presenza negli uffici pubblici, per esempio introducendo l’obbligo della prevalenza del lavoro in presenza. Un limite che sta stretto al nuovo ministro della Pubblica amministrazione, Paolo Zangrillo, più orientato a introdurre maggiori controlli sulle performance dei lavoratori da remoto. Prima del coronavirus il lavoro agile rappresentava un fenomeno di nicchia, con 600mila lavoratori coinvolti, di cui 40mila circa nelle pubbliche amministrazioni. Lo smart working, sottolinea sempre l’osservatorio del Polimi, è ormai presente nel 91 per cento delle grandi imprese italiane, contro l’81 per cento nel 2021, mediamente con nove giorni e mezzo di lavoro da remoto al mese. Nella Pubblica amministrazione coinvolge il 57 per cento degli enti (erano il 65 per cento di un anno fa) con in media otto giorni di lavoro da remoto al mese.

 

 

Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Apocalisse in Turchia e Siria Oltre 3.800 vittime Un italiano tra i dispersi, 3.471 gli edifici crollati
Perché il sisma è stato così devastante? Le analogie con la faglia di San Andreas
«Abbiamo visto l’inferno. Un boato, poi il terrore». Il racconto di un abruzzese a Gaziantep
Sotto le macerie una squadra di pallavolo femminile, disperse 14 giocatrici. «Qui è un inferno»
Montella: «Scosse senza fine, a fuoco il mio hotel ad Adana. I giocatori sono preoccupati»