L'Ue boccia la manovra. Mattarella: «Evitare il disordine dei conti»

Un Paese che ha prima ricevuto una flessibilità senza precedenti, ha poi varato una manovra che contiene uno sforamento senza precedenti e costringe ora la Commissione Ue a fare una mossa senza precedenti: bocciare il testo approvato dal Governo e chiederne uno nuovo, entro tre settimane. Nel frattempo, la questione italiana resta al centro del palcoscenico e sarà discussa anche dai ministri dell'economia della zona euro nella riunione del 5 novembre. Ma anche dall'Italia arriva un monito. 

LEGGI ANCHE Salvini: Bruxelles attacca un popolo
LEGGI ANCHE Manovra, ecco la bozza: aumentano tasse sulle sigarette

Il presidente della Repubblica Sergio Mattarella avverte le forze politiche: bisogna scongiurare che il disordine della pubblica finanza produca contraccolpi pesanti anzitutto per le fasce più deboli. «Nessuno può sottrarsi all'equilibrio dei conti», spiega. La bocciatura era attesa e non sorprende il governo, che si prepara ora al confronto con dichiarazioni che da una parte danno un colpo al cerchio, dall'altra alla botte. La «manovra non è stata improvvisata - afferma il premier Giuseppe Conte - Dire oggi che la rivediamo non avrebbe senso». Il premier apre ad un maggiore possibile ricorso ai tagli di spesa ma certo si dice convinto di seguire «la strada giusta: il rapporto deficit/pil al 2,4% non si tocca». I più duri sono i due vice premier. Matteo Salvini è convinto che la Ue attacchi «non il Governo ma un popolo» e Luigi Di Maio minimizza: «non arrivano le cavallette», dice e spiega di non meravigliarsi della decisione Ue, perché «è la prima manovra italiana che viene scritta a Roma e non a Bruxelles!». In ogni caso i mercati non sanno a guardare: lo spread, in altalena, si ferma a un passo dai 320 punti base e la Borsa di Milano chiude in calo (-0,86%). «È con molto dispiacere che sono qui oggi, per la prima volta la Commissione è costretta a richiedere ad uno Stato di rivedere il suo Documento programmatico di bilancio. Ma non vediamo alternative», ammette con sconforto il vicepresidente della Commissione Ue Valdis Dombrovskis, prima di illustrare le ragioni che hanno portato il collegio dei commissari alla scelta. 

 


LEGGI ANCHE Manovra, Salvini: Bruxelles attacca un popolo. Di Maio: «Non ci fermeremo»

Per questo Bruxelles non può consentire di aumentare la spesa ma vuole far rispettare la 'regola del debitò, che chiede ai Paesi un percorso di riduzione concordato con l'Ue. Con questa manovra, l'Italia sfora quel target di 1,5%, una deviazione considerata «senza precedenti». Se il debito non calerà nel 2019, è anche dovuto alle stime di crescita troppo ottimistiche, spiega la Ue, e alle misure che daranno entrate incerte come la spending review e il condono fiscale. Oltre al fatto che queste, assieme all'abolizione della Fornero che mette a rischio la sostenibilità del debito a lungo termine, faranno fare «retromarcia» alle riforme già attuate in passato e in linea con le raccomandazioni di Bruxelles. La bocciatura della manovra non è che un primo passo di un lungo percorso che potrebbe in ultima analisi portare all'apertura della procedura per debito eccessivo con sanzioni pecuniarie. Ma Bruxelles non vuole parlarne per ora. «Lasciamo una chance al dialogo», dice il commissario Ue agli affari economici Pierre Moscovici, che continuerà a confrontarsi con il ministro Giovanni Tria, considerato sempre «un interlocutore credibile e legittimo».

Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Outbrain
Roma, cominciata demolizione delle ville dei Casamonica
Volontaria italiana rapita da un commando armato in Kenya
Governo battuto sulla giustizia
Lupo solitario dell'Isis arrestato a Milano
Appalti truccati per l'affidamento di opere pubbliche. Giro da un miliardo