Leonardo protagonista al salone aerospaziale di Parigi

(Teleborsa) - Il Salone Aerospaziale di Parigi Le Bourget, in programma dal 17 al 21 giugno, assegna a Leonardo una vetrina di primo piano nello scenario internazionale. Nell'area...

Accedi all'articolo e a tutti i contenuti del sito
con l'app dedicata, le newsletter, i podcast e gli aggiornamenti live.

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
159,98€
40€
Per 2 anni
SCEGLI ORA
OFFERTA MIGLIORE
ANNUALE
79,99€
19€
Per 1 anno
SCEGLI ORA
 
MENSILE
6,99€
1€ AL MESE
Per 6 mesi
SCEGLI ORA

OFFERTA SPECIALE

2 ANNI
159,98€
29€
Per 2 anni
SCEGLI ORA
OFFERTA MIGLIORE
ANNUALE
79,99€
11,99€
Per 1 anno
SCEGLI ORA
 
MENSILE
6,99€
2€ AL MESE
Per 12 mesi
SCEGLI ORA

- oppure -

Sottoscrivi l'abbonamento pagando con Google

OFFERTA SPECIALE

Leggi l'articolo e tutto il sito ilmessaggero.it

1 Anno a 9,99€ 89,99€

oppure
1€ al mese per 6 mesi

Rinnovo automatico. Disattiva quando vuoi.

L'abbonamento include:

  • Accesso illimitato agli articoli su sito e app
  • La newsletter del Buongiorno delle 7:30
  • La newsletter Ore18 per gli aggiornamenti della giornata
  • I podcast delle nostre firme
  • Approfondimenti e aggiornamenti live
(Teleborsa) - Il Salone Aerospaziale di Parigi Le Bourget, in programma dal 17 al 21 giugno, assegna a Leonardo una vetrina di primo piano nello scenario internazionale. Nell'area statica la presentazione di un nuovo drone – l'ultimo ingresso nella famiglia Falco – che dimostra l'impegno di Leonardo per mantenere la posizione di leadership nel settore dei velivoli senza pilota. Parigi sarà anche la prima occasione per vedere l'elicottero a pilotaggio remoto AWHERO nella sua configurazione di pre-produzione con il radar ultraleggero Gabbiano installato a bordo. Leonardo sta investendo in modo significativo nei droni e la nuova linea di produzione dell'AWHERO a Pisa ne è un esempio importante. Forte attenzione verrà posta nello studio e implementazione di nuove modalità di trasporto, smart e autonome, grazie alla spinta innovativa di Leonardo nel controllo del traffico aereo, intelligenza artificiale, big data, piattaforme e sistemi per il futuro ecosistema aerospaziale.

Emergono i risultati dell'investimento strategico effettuato da Leonardo nel settore dell'addestramento con cinque Training Academy, la International Flight Training School con l'Aeronautica Militare italiana e una gamma unica di aerei ed elicotteri ideali per formare i piloti del futuro. Più di 10.000 tra piloti e operatori di elicotteri sono stati formati nel 2018 nelle accademie di Leonardo e lo schieramento di altri tre M-346 presso l'IFTS rappresenta un ulteriore traguardo e punto di riferimento per i piloti di caccia di tutto il mondo. Ad apparire per la prima volta a Parigi anche il nuovo M-345 di produzione, velivolo ideale per sostituire l'attuale linea di addestratori basici con prestazioni più elevate rispetto ai turboelica. L'Aeronautica Militare ad oggi ha ordinato 18 M-345.

Tra le aree in cui Leonardo continua ad investire ci sono gli aerei da combattimento, come l'M-346 Fighter Attack equipaggiato con il radar Grifo-346.

Per quanto riguarda gli elicotteri, dopo il contratto con l'Air Force statunitense per la fornitura, con Boeing come prime contractor, dell'MH-139, Leonardo ha sottoscritto quello per la fornitura alla Polonia del modello AW101 per il contrasto alle minacce sottomarine e le missioni di ricerca e soccorso. A Parigi sarà esposto il proprio modello best-seller AW139, in configurazione public utility, che sta dimostrando di essere un prodotto di enorme successo con 270 clienti e più di 1.100 elicotteri ordinati, numeri che ne fanno il più venduto al mondo della sua classe.



Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Nuova ondata di scosse. «Come 130 atomiche» Oltre 5.000 morti, un italiano tra i dispersi
Freddo, pioggia, neve e rischio malattie infettive: ecco perché i soccorsi sono proibitivi. Oms: «Bilancio dei morti può salire a 20mila»
Perché il sisma è stato così devastante? Le analogie con la faglia di San Andreas
Montella: «Scosse senza fine, a fuoco il mio hotel ad Adana. I giocatori sono preoccupati»
Pigiamini insanguinati e salvataggi da film: il dramma dei sepolti vivi. I bimbi sorpresi nel sonno