Alitalia, CdM vara norma in attesa dell'UE

(Teleborsa) - Approvata in Consiglio dei Ministri una norma che adegua le procedure di cessione già delineate dal legislatore alle nuove esigenze connesse ai tempi di adozione...

Accedi all'articolo e a tutti i contenuti del sito
con l'app dedicata, le newsletter, i podcast e gli aggiornamenti live.

2 ANNI
159,98€
40€
Per 2 anni
ATTIVA SUBITO
OFFERTA FLASH
ANNUALE
79,99€
19€
Per 1 anno
ATTIVA SUBITO
 
MENSILE
6,99€
1€ AL MESE
Per 6 mesi
ATTIVA SUBITO
2 ANNI
159,98€
29€
Per 2 anni
ATTIVA SUBITO
OFFERTA FLASH
ANNUALE
79,99€
11,99€
Per 1 anno
ATTIVA SUBITO
 
MENSILE
6,99€
2€ AL MESE
Per 12 mesi
ATTIVA SUBITO

- oppure -

Sottoscrivi l'abbonamento pagando con Google

Tutta l'informazione in un click:
il sito ilmessaggero.it,
l'app dedicata, le newsletter, i podcast
e gli aggiornamenti live

OFFERTA SPECIALE

9,99 € per 1 ANNO

Promo valida oggi per chi paga tramite Google

oppure 1€ al mese per 6 mesi

(Teleborsa) - Approvata in Consiglio dei Ministri una norma che adegua le procedure di cessione già delineate dal legislatore alle nuove esigenze connesse ai tempi di adozione della decisione europea della vicenda Alitalia.



In particolare, spiega il comunicato finale di Palazzo Chigi, per velocizzare le procedure la norma prevede uno schema di autorizzazione basato sulla conformità del piano alla decisione della Commissione UE.

Ore caldissime per l'ex compagnia di bandiera, mentre nella giornata di ieri la Commissione Ue ha ribadito che nessuna decisione è stata presa ancora sul prestito ponte di 900 milioni concesso all'azienda. Riferimento all'indiscrezione rilanciata, qualche ora prima, dal Financial Times stando alla quale l'Antitrust dell'Unione europea chiederà al Governo italiano di recuperare dalla vecchia Alitalia i 900 milioni di euro di prestito ponte, in quanto considerati aiuti di Stato illegali.

Secondo l'anticipazione - non confermata da Bruxelles - Roma avrebbe violato le regole Ue sugli aiuti di Stato concedendo prestiti per il salvataggio di Alitalia nel 2017. Il diritto dell'Unione europea vieta, infatti, a uno Stato membro di concedere a un'azienda un sostegno finanziario che le dia un vantaggio rispetto ai suoi rivali.

Intanto, mentre si consuma lo strappo tra azienda e sindacati sul passaggio di lavoratori da Alitalia a Ita - sul dossier si muove anche il Parlamento. "Abbiamo chiesto di audire i sindacati e il CdA di Ita nelle Commissioni congiunte Lavoro e Trasporti, affinché il Parlamento sia immediatamente informato delle strategie industriali poste in atto dalla nuova compagnia e delle conseguenze occupazionali. Gli allarmi che si levano devono avere una risposta chiara". Così la Presidente della commissione Lavoro della Camera, Romina Mura (Pd), e il capogruppo Pd in commissione Trasporti, Davide Gariglio.


Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Poche riforme, altolà della Ue. Fisco, casa e pensioni: Bruxelles bacchetta l’Italia Patto rinviato al 2024
Zelensky: «Pace possibile solo se vedrò Putin» Ergastolo al soldato russo per crimini di guerra La ritorsione sugli Azov: un processo a Mariupol
Chi resisterà al conflitto? L’Occidente teme i danni all’economia, ma i falchi interni spingono Kiev e Mosca
Il capo degli 007 di Kiev: «Putin sopravvissuto a tentativo di omicidio due mesi fa»
«Putin attacca i deboli, mostriamo forza». La Lettonia chiede 5.000 soldati Nato per serrare il confine