Dem e statalismo/ Non ascoltare il richiamo della foresta

Ci sono due modi diversi per guardare alla sconfitta del Pd nelle urne, e al travaglio profondo cui è in preda a seguito delle dimissioni di Matteo Renzi. La prima è quella dell’esame evolutivo del carattere personale nell’esercizio della leadership di rottura esercitata da Renzi, fin da prima di assumerne la guida all’inizio della scorsa legislatura.Ma c’è un secondo criterio, più oggettivo. Quello di considerare le difficoltà politiche del Pd, dal post referendum del dicembre...

Leggi l'articolo completo su Il Messaggero
Outbrain
Champions League, R.Madrid-Roma 3-0 gol di Isco, Bale e Mariano
Figli uccisi a Rebibbia, la mamma: «Ora sono liberi»
Auto travolge passanti a San Pietro: 5 feriti, 3 sono bambini
Follia sulla metro B: il rapper entra in cabina e "sequestra" il treno «Così disarmo il vigilante» E l'Atac fa partire un'inchiesta
Flat-tax sui redditi alti, non solo Ronaldo: sempre più “paperoni” scelgono l’Italia L'anteprima sul Messaggero Digital