Fiocco rosa allo Zoomarine di Torvaianica: è nata una cucciola di delfino

Sta bene, viene allattata dalla mamma, ed è lunga poco più di un metro. E' la cucciola di delfino che è nata allo Zoomarine di Torvaianica e che viene monitorata h 24 da un team di veterinari e biologi marini. I genitori, mamma Leah e papà King, interagiscono con il cucciolo che inizia a familiarizzare anche con gli altri delfini del Parco.
 
LEGGI ANCHE: Il tenero viaggio in aereo dello scimpanzè rimasto orfano e salvato dai bracconieri
LEGGI ANCHE: Trova un capriolo ferito in strada: lo porta in salvo con lo spazzaneve

Zoomarine chiama a raccolta il suo pubblico per sceglierne il nome. Tre proposte - Luna, Gioia e Lavinia - oggetto di un concorso sul web, con la possibilità di votare il nome preferito tramite il profilo facebook di Zoomarine e vincere subito ingressi omaggio e buoni sconto. L'esito del concorso sarà comunicato ad inizio aprile, con il battesimo ufficiale del cucciolo di delfino.

Il delfino Tursiope ha una gravidanza di 12 mesi e la femmina partorisce un solo piccolo per volta. Le cure parentali durano anche oltre due anni ed i piccoli sono allattati dalla mamma per più di un anno. Il parto nel delfino è podalico, cioè il piccolo nasce di coda, può durare da 20 minuti a 2 ore, mentre la mamma continua a nuotare, cercando di far uscire il piccolo aiutandosi anche con movimenti di contrazione, nuoto veloce e salti. Appena nato il cucciolo sale, da solo o accompagnato dalla mamma, verso la superficie dell'acqua per prendere il primo respiro. Con il nuovo nato sale a 8 il numero di esemplari presenti a Zoomarine, 4 maschi e 4 femmine. Tutti i delfini sono nati in ambiente controllato nel Parco o in strutture internazionali affiliate. 

Leggi l'articolo completo su Il Messaggero
Outbrain
Di Maio: «Censire i raccomandati Rai e della PA I rom? Salvini si è corretto»
Migranti, ecco il piano europeo Merkel e Macron aprono all'Italia «Centri di sbarco in Tunisia»
Gli Usa escono dal Consiglio dei Diritti Umani dell'Onu: «È un organismo ipocrita ed egoista »
Un collaboratore di Parnasi ai pm: «Soldi ad almeno un funzionario pubblico»
Stadio, Parnasi e i soldi ai politici «Pagava loro e non gli stipendi» Anteprima sul Messaggero Digital