Corea del Nord apre al dialogo con gli Usa, ma Seul è cauta: «Troppo presto per essere ottimisti»

Gli inviati speciali del presidente sudcoreano Moon Jae-in, tornati ieri dalla missione di due giorni a Pyongyang, ripartiranno domani per gli Usa per una visita di due giorni allo scopo di riferire i risultati dei colloqui avuti col leader Kim Jong-un. Secondo alcuni funzionari dell'Ufficio presidenziale citati dalla Yonhap, la delegazione guidata ancora da Chung Eui-yong, advisor sulla sicurezza di Moon, e con Suh Hoon, capo dell'Intelligence, consegnerà un «imprecisato messaggio» dello Stato eremita.

LEGGI ANCHE:  Coree, accordo per summit al confine ad aprile. Seul: Kim vuole dialogo diretto con gli Usa

Il viaggio concluso a Pyongyang ha portato a risultati giudicati «eccezionali» da molti osservatori a causa delle inconsuete e ampie concessioni fatte da Kim, tra cui la proposta di un terzo summit intercoreano tra leader al villaggio di confine di Panmunjom prima della fine di aprile. Ieri Chung, in un brefing con i media, ha riferito che Kim ha espresso con chiarezza la volontà di avviare colloqui con gli Usa, aprendo alla denuclearizzazione e offrendo la «moratoria» sullo sviluppo di nucleare e missili per far partire un dialogo stabile con Washington. E Trump, in serata, ha detto di credere che il Nord fosse «sincero». «Non possiamo rivelare tutto ai media, ma noi abbiamo altre vedute della Corea del Nord che consegneremo agli Usa durante la visita», ha detto Chung. Dopo gli Usa, la delegazione si dividerà: Chung andrà in Cina e Russia, mentre Suh in Giappone. Gli altri Paesi del Tavolo a Sei sul nucleare nordcoreano, in stallo da dicembre 2008, saranno così informati degli sviluppi con l'obiettivo di far ripartire il negoziato.

Il presidente sudcoreano Moon Jae-in ha comunque affermato di credere sia «ancora troppo presto per essere ottimisti» sugli sviluppi dei rapporti col Nord e sul processo di denuclearizzazione. «Siamo solo alla linea di partenza», ha aggiunto incontrando i leader dei 5 principali partiti politici alla Blue House, la sede della Presidenza, nel resoconto della Yonhap. «Siamo adesso a un punto molto critico negli sforzi per stabilire la pace e la denuclearizzazione nella penisola», ha proseguito. Le valutazioni di Moon sono maturate all'indomani del rientro a Seul degli inviati speciali mandati per due giorni al Nord per incontrare il leader Kim Jong-un: sono tornati col la convergenza su di un terzo summit intercoreano tra leader da tenere entro fine aprile e con l'offerta di moratoria da parte di Pyongyang su nucleare e missili per far partire il dialogo diretto con gli Usa. Moon ha espresso anche fiducia sulla ripresa dei contatti tra Pyongyang e Washington, condizione necessaria per intavolare la discussione sulla denuclearizzazione della penisola. La riunione con i leader di partito è la terza da quando Moon è salito alla presidenza lo scorso maggio, ma la prima ccon la piena partecipazione visto che le prime due sono state boicottate dai partiti di opposizione.
 

Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Outbrain
Manovra, Conte a Juncker: «Deficit al 2,04%, reddito-quota 100 invariati»
Antonio Megalizzi lotta tra vita e morte Il reporter trentino «è in coma e inoperabile»
Strasburgo, Cherif mirava alla testa «Gridava Allah Akbar, poi la fuga»
May resiste, bocciata mozione di sfiducia: «Non guiderò il partito alle elezioni 2022»
Russiagate: Cohen, ex avvocato di Trump, condannato a 3 anni di carcere