La brutta fine delle colombe liberate dal Papa, aggredite dai rapaci di Roma

Di sicuro Ť stata una scena inquietante. Se poi si vuole cercare anche un simbolismo dietro la brutta fine toccata alle colombe della pace liberate ieri da Papa Francesco e attaccate subito dopo da un corvo e da un gabbiano, allora √® pure peggio.

Di certo nè il pontefice nè i bambini che erano affacciati con lui a San Pietro potevano sapere che lasciando volare via le due bianche colombe le avrebbero consegnate a una morte tanto rapida quanto cruenta, che si è consumata davanti agli occhi attoniti della folla in Vaticano.

E se c'√® chi ne ha notato il lato appunto pi√Ļ simbolico, con gli uccelli della pace che vengono annientati da quelli del male (e i corvi che continuano a essere un problema per il Vaticano), altri, etologi in primis, hanno invece avuto conferma di quello che sta avvenendo nella fauna della capitale, i cui cieli sono sempre pi√Ļ abitati da rapaci di grandi dimensioni. Il timore √® che San Pietro possa diventare terreno di caccia per questi uccelli, e che le colombe possano trasformarsi in prede facili. Pi√Ļ che della pace insomma, √® il trionfo della legge della natura, che pacifica non √®.

Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Outbrain
Conte al Colle, decreti dopo Europee Salvini cede, alta tensione Lega-M5S
Pensioni alte, ecco i tagli: il prelievo arriva al 30%
Bimbo ucciso in casa, padre confessa: ¬ęNon dormivo, l'ho picchiato a morte¬Ľ
Ciclista ucciso dal Tir a Roma, preso lo sciacallo che rubò il portafogli e prelevò con il bancomat
‚ÄčLiberato l'italiano Alessandro Sandrini a Idlib, venne rapito nel 2016. Il pap√†: ¬ęIncubo finito¬Ľ