Che errore per la legalità lasciare solo l'assessore

Puntuale come la Befana, alla vigilia del caravanserraglio di bancarelle che invaderanno piazza Navona, ecco esplodere il caso Meloni, l'assessore capitolino che ha mandato su tutte le furie la sindaca Raggi per aver denunciato presunti inciuci tra la lobby della famiglia Tredicine e il presidente grillino della commissione commercio Andrea Coia. Adriano Meloni, che conosce bene il suo mestiere, con una crasi lo definisce Coidicine. Il sospetto dell'assessore è che le assegnazioni nel bando della Festa a piazza Navona siano...

Leggi l'articolo completo su Il Messaggero
Outbrain
Nave Ong in attesa di un attracco Salvini: «Malta apra porti a Lifeline» La Valletta: «No. Non ci compete»
Vaccini, Salvini contro l'obbligo «Inutili 10, scuole aperte ai bimbi» No di Giulia Grillo
Dall’epatite al morbillo, la prevenzione è decisiva Anteprima sul Messaggero Digital
Morti lo chef Narducci e un'amica
Uccise la moglie a bastonate, ergastolo al dermatologo Cagnoni