La neve sbianca i Castelli Romani: notte di lavoro per spargisale e Vigili del fuoco

La tanto temuta seconda ondata di neve e gelo prevista dai meteorologi su Roma e provincia è tornata nella serata di ieri. Per tutta la notte sono stati al lavoro i mezzi spargisale in molti comuni dei Castelli Romani, le situazioni più critiche a Rocca di Papa e Rocca Priora, i centri più alti, dove sono ancora in corso le operazioni di spargimento del sale e rimozione neve e ghiaccio in molte strade. A Rocca Priora, il sindaco Damiano Pucci ha disposto la chiusura delle scuole per la giornata di oggi, per via del pericolo ghiaccio, e si stanno controllando tutti i plessi scolastici per la eventuale riapertura di domani. I volontari della protezione civile in molti comuni hanno lavorato ininterrottamente da ieri sera e sono ancora in stato di allerta, i vigili del fuoco di Roma e provincia hanno operato oltre 100 interventi tra ieri sera e stamattina per alberi caduti, strade ghiacciate e altre situazioni di emergenza dovute al gelo.

Leggi l'articolo completo
su Il Messaggero
Outbrain
Manovra, Conte a Juncker: «Deficit al 2,04%, reddito-quota 100 invariati»
Antonio Megalizzi lotta tra vita e morte Il reporter trentino «è in coma e inoperabile»
Strasburgo, Cherif mirava alla testa «Gridava Allah Akbar, poi la fuga»
May resiste, bocciata mozione di sfiducia: «Non guiderò il partito alle elezioni 2022»
Russiagate: Cohen, ex avvocato di Trump, condannato a 3 anni di carcere