Attestati di operatore socio-sanitario falsificati, chiusa l'inchiesta avviata dalla Procura di Cassino

E' stata chiusa con 103 indagati e 96 perquisizioni, l'indagine del Nas Carabinieri di Latina, denominata «Attestato Rapido», finalizzata al contrasto della contraffazione di attestati professionali per l'ottenimento della qualifica di Operatore Socio Sanitario. L'indagine, iniziata nel 2015 e coordinata inizialmente dalla Procura della Repubblica di Cassino, è stata poi trasmessa, per competenza territoriale, alla Procura della Repubblica di Milano, e coordinata dai Pm Antonio Cristillo e Francesco De Tommasi.

Le indagini hanno portato all'individuazione e allo smantellamento di un'associazione per delinquere costituita da persone operanti negli ambienti della formazione e della sicurezza sui luoghi di lavoro che, avvalendosi di strutture ed imprese di loro titolarità, provvedevano alla creazione di documenti falsi, avvalorati dall'illegittima apposizione dei loghi della Regione Lombardia e della Provincia di Milano.

Leggi l'articolo completo su Il Messaggero
Outbrain
Champions League, R.Madrid-Roma 3-0 gol di Isco, Bale e Mariano
Auto travolge passanti a San Pietro: 5 feriti, 3 sono bambini Video
Figli uccisi a Rebibbia, la mamma: «Ora sono liberi»
Follia sulla metro B: il rapper entra in cabina e "sequestra" il treno «Così disarmo il vigilante» E l'Atac fa partire un'inchiesta
Rai, ok Vigilanza a mozione Lega Marcello Foa verso la presidenza