Tsunami Viterbese, troppi debiti
i vertici danno le dimissioni

VITERBO - Gialloblù ingovernabili: si dimettono in serie il presidente Carlo Graziani, il vice presidente Pierapolo Vestri e il direttore generale e direttore sportivo Maurizio Manfra. Resta in sella solo l’altro vicepresidente Maurizio Donsanti. Ufficialmente le dimissioni sono arrivate per motivi familiari e personali, in realtà è uno tsunami.

Il problema sono i debiti che la società ha accumulato nel tempo, legati anche a vertenze con giocatori delle passate stagioni e che avrebbero, di fatto, spaventato i vertici. Obblighi fiscali (compreso il pagamento degli stipendi ai calciatori) che se non ottemperati potrebbero costare alla squadra di mister Farris anche una penalizzazione di punti in campionato.

La squadra ora è al quarto posto. Ma il suo futuro sembra quanto mai incerto. Una mano è stata chiesta allo sponsor Angelo Deodati, imprenditore nel settore dei rifiuti, a quanto pare rimasto decisamente perplesso dopo l'ammutinamento di Graziani & Co.. C'è già chi pensa all'incognita Camilli. Il patron del Grosseto Calcio non aveva nascosto l'intenzione di potersi occupare della Viterbese. Ma a determinate condizioni.
Lunedì 4 Marzo 2013, 20:01 - Ultimo aggiornamento: 30 Novembre, 00:00
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
0
QUICKMAP