Vulci, muore travolto da una frana
durante uno scavo clandestino

VITERBO - Travolto da una frana mentre scava clandestinamente in un terreno nei pressi della zona archeologica di Vulci, a Canino. Muore Alberto Sorbera, 52 anni, di Montalto di Castro. Si salva miracolosamente un complice, rimasto ferito.
L'allarme Ŕ scattato ieri sera, intorno alle 22.30, quando la squadra di vigili del fuoco del distaccamento di Gradoli Ŕ intervenuta per il recupero di due persone rimaste intrappolate dalla terra franata in uno scavo.

A quanto pare alcuni uomini (ci sarebbero giÓ quattro denunce dei carabinieri) stessero scavando per ritrovare una tomba etrusca in localitÓ Cannellocchio, nei pressi di Vulci. Sul posto subito il 118. Sorbera Ŕ stato recuperato a una profonditÓ di circa 3 metri, coperto da circa 50 centimetri di terra.
Per i sanitari non Ŕ rimasto altro che constatarne il decesso.

Inizialmente i vigili del fuoco hanno scavato a mano.
Successivamente, per liberare e recuperare il corpo dell'uomo deceduto, sono intervenuti anche da Viterbo, con i mezzi per il movimento terra. L'area Ŕ stata posta sotto sequestro.

Nella zona il fenomeno degli scavi clandestini non ha freni. Tempo fa, i carabinieri del maresciallo Sebastiano Zampone denunciarono una banda di tombaroli, tra cui compariva persino un consigliere comunale di Cellere.

Venerdý 4 Gennaio 2013, 11:43 - Ultimo aggiornamento: 30 Novembre, 00:00
QUICKMAP