Viterbo, Cinema Genio abbandonato, residenti esasperati: «Adesso i piccioni entrano anche nelle nostre case»

di Andrea Arena
«L'altro giorno stavo facendo ripetizione ad un ragazzo, e ad un certo punto è entrato un piccione in casa. Ha fatto un giretto e poi è riuscito». A raccontare questo aneddoto non è un'abitante di un appartamento in piazza San Marco a Venezia, né una vicina di casa di qualche ornitologo o allevatore di pennuti. No, a parlare è una viterbese che, purtroppo per lei, ha la sventura di vivere a due passi dal cinema Genio, in pieno centro città a Viterbo.

Cinema Genio, già, dove eravamo rimasti? Sempre allo stesso punto, un punto morto. Lo scorso giugno Il Messaggero aveva raccolto le lamentele degli abitanti della zona, ostaggio dei pennuti che hanno eletto a loro esclusiva dimora – e voliera – il teatro abbandonato. Nonostante l'immenso locale sia tornato nella disponibilità del Comune da un anno e mezzo (dopo alterne vicende che non è il caso di ripercorrere qui), Palazzo dei priori non ha fatto nulla non solo per ripulirlo dai quintali di mondezza accumulati all'interno, ma si è ben guardato persino dal provvedere agli interventi necessari per la messa in sicurezza. Lo scorrere del tempo, e le sferzate del maltempo, hanno fatto il resto: i vetri di alcune finestre degli uffici all'ultimo piano – lasciate inspiegabilmente aperte – si sono rotti, aprendo un'autostrada aerea ai piccioni. Che qui hanno trovato ricovero in gran numero: e dunque cattivo odore, guano, svolazzamenti vari, si sono moltiplicati, anche a causa del caldo di questa estate.

Gli abitanti della zona, di via della Volta Buia ma anche di tutto il quadrante, già interessato da altri problemi come il vandalismo notturno della movida, si sono rivolti più volte all'amministrazione comunale. Senza risultati. Ad inizio agosto, l'ultimo tentativo: «Passando per i vigili urbani e poi parlando direttamente con l'ufficio dell'assessore ai Lavori pubblici e alla Gestione del patrimonio Alvaro Ricci. Mi è stato chiesto di scrivere una lettera, che è stata protocollata, e mi è stato promesso un sopralluogo con un ingegnere e un pronto interessamento di Viterbo Ambiente per la pulizia del cinema. Il tutto con molta gentilezza e disponibilità. Peccato che da allora non abbiamo visto assolutamente nulla di questo, l'estate è passata con tutto il suo caldo, il Ferragosto, ora anche Santa Rosa, eppure il Genio è sempre nella stessa condizione». Coi piccioni che ora puntando ad espandere il loro raggio d'azione anche agli edifici adiacenti: più che uccelli sembrerebbero degli squali del mercato immobiliare.
Giovedì 7 Settembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 09-09-2017 12:19

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2017-09-09 20:45:00
Piccioni e guano a parte ,la signora che fa ripetizioni ai ragazzi ,la fa la regolare ricevuta per pagarci le tasse? Non sarà che pretendiamo i servizi senza dare nulla in cambio?
2017-09-08 01:05:02
ce facevano i film porno ...tutte le sere uno doppo l'altro ...per i militari di leva e gli sfigati che si facevano le pippe.....a viterbo purtroppo in tanti se fanno le PIPPE
2017-09-09 20:46:25
l'gatto nella dispensa ,quel che fà dell'altri penza
2017-09-07 19:04:09
anche a viterbo si sono impegnati per distruggere i cinema dentro la cittadina,,,logicamente dopo che è nato il centro di vitorchiano,,,film già visto, se non ci sono problemi li creano per dirottare nelle loro moderne sale,,,a 15 km distante però,,sig
QUICKMAP