Trapani, inchiesta traghetti:
nei guai carabiniere di Perugia

PERUGIA - L'inchiesta arriva da Trapani e ruota attorno a tangenti su fondi per il trasporto marittimo. E nell'inchiesta è finito un carabiniere in servizio a Perugia. Indagato e sospeso dal servizio, secondo quanto si apprende. Il militare avrebbe contribuito a fornire informazioni a un armatore per danneggiarne un altro. 

Venerdì mattina i carabinieri di Trapani e Palermo hanno arrestato per corruzione l'armatore Ettore Morace, figlio del patron del Trapani calcio Vittorio, entrambi proprietari della compagnia di traghetti Liberty lines, che collega Trapani alle isole minori, il deputato regionale Girolamo Fazio, candidato a sindaco di Trapani alle prossime amministrative, e il funzionario della Regione siciliana Giuseppe Montalto. L'indagine è coordinata dalla Procura di Palermo.

In pratica, secondo l'accusa e secondo quanto emerso dalle agenzie di stampa, Morace avrebbe assunto la figlia del sottufficiale dell'Arma in servizio a Perugia che raccoglieva informazioni in danno del suo ex concorrente storico, il
messinese Franza. Il dossier doveva finire in Procura e poi essere inviato per competenza a Palermo così da indurre i pm ad aprire una inchiesta.
Venerd├Č 19 Maggio 2017 - Ultimo aggiornamento: 19:45

© RIPRODUZIONE RISERVATA
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
QUICKMAP