Si faceva assumere come badante, poi rubava e giocava alle slot: denunciata dai carabinieri a Cannara

di Giovanni Camirri
CANNARA - Si faceva assumere come badante per poi commettere furti presso le abitazioni dove lavorava. Proprio la sua attività lavorativa le permetteva di avere visione dei luoghi dove le vittime, per lo più persone anziane, nascondevano i propri gioielli ed il proprio denaro. I Carabinieri di Cannara, coordinati dalla Compagnia di Assisi guidata dal maggiore Marco Vetrulli, al termine di un’attività investigativa hanno denunciato una 41enne assisana, già nota alle forze dell’ordine, quale autrice di un furto di monili in oro e banconote in euro ed in dollari americani, per circa 2.000 euro. Il tutto è avvenuto - hanno ricostruito gli investigatori dell’Arma -, avvenuto all’interno di un’abitazione privata ove la stessa svolgeva l’attività di badante. La giovane già nel 2015 era stata denunciata dagli stessi carabinieri di Cannara per un analogo furto. L’attività d’indagine ha permesso di ricostruire come l’autrice, alcuni giorni dopo il furto, si è recata presso alcune attività commerciali di compro-oro dei Comuni limitrofi, dove ha consegnato alcuni preziosi, successivamente riconosciuti dalla vittima, ricavandone in cambio una cospicua somma di denaro. Ulteriori accertamenti hanno permesso di appurare come la donna sia anche andata in una banca per cambiare la valuta straniera. Il movente, come ammesso dalla stessa autrice, va ricondotto alla sua propensione al gioco con le slot machine.
Mercoled├Č 14 Febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento: 18:17

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2018-02-15 13:52:08
fa parte del 10 % di disonest non dell'EST
2018-02-15 11:18:00
Mechwarrior questa e' di Assisi non dell'est
2018-02-14 19:50:43
come se la notizia che il 90 % delle badanti dell est siano poco onEST sia una novita' SVEGLIA TONTI!
QUICKMAP