Niente referendum, ma l'Umbria chiederà al Governo più autonomia insieme a Marche e Toscana

Catiuscia Marini
PERUGIA - Niente referendum, ma più autonomia, d'accordo con i vicini di casa.
L'Umbria, insieme a Toscana e Marche, è pronta a chiedere al Governo ulteriori forme di autonomia delle Regione ai sensi dell'articolo 116 della Costituzione. La Giunta regionale ha avviato la discussione attraverso un documento predisposto dall'Assessorato alle riforme. L'intenzione - spiega l'Esecutivo - è di costruire un percorso condiviso e comune con Toscana e Marche, che potrà essere poi allargato anche al Lazio, e dunque di istituire un Tavolo di lavoro unitario per il confronto con il Governo.
«L'Umbria - ha spiegato l'assessore alle Riforme Antonio Bartolini - non ha bisogno e non vuole un aumento indiscriminato di competenze, ma una 'autonomia selettivà al servizio di grandi obiettivi programmatici in cui si pone come territorio di eccellenza. Gli obiettivi su cui concentrarsi e da sottoporre ad un ampio dibattito con le istituzioni e forze sociali sono la grande bellezza, la leva del sapere, la salute, la protezione civile e la prevenzione sismica».
Martedì 6 Febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento: 14:04

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-02-08 13:29:20
MA TUTTE le Regioni chiedessero l'autonomia e così questa buffonata dell'autonomia finirebbe
QUICKMAP