Il gelato più buono del mondo è il
pistacchio di Crispini

di Ilaria Bosi
SPOLETO - Studio, ricerca e passione: ecco la ricetta del gelato migliore del mondo, che arriva da Spoleto e ha forti radici in tutta l’Umbria. Sul gradino più alto del podio, in occasione del Gran Finale di Gelato World Tour, che si è svolto a Rimini nel fine settimana, è salito Alessandro Crispini, dell’omonima gelateria spoletina, che ha conquistato il mondo con lo specialissimo pistacchio prodotto nel laboratorio di famiglia, dove lavorano anche il fratello Massimo e mamma Gina. Già a primavera il Pistacchio di Crispini era stato decretato il più buono d’Italia (con tanto di dedica speciale a papà Giancarlo) e ora ha sbaragliato il campo fra 36 concorrenti finalisti, provenienti da tutto il mondo.
LA RICETTA
Campioni di passione e di gusto, i Crispini da ormai 21 anni lavorano in laboratorio e dietro il bancone delle tre gelaterie di Spoleto, Terni e Foligno e sono sempre alla ricerca di novità ed eccellenza. Il pistacchio mondiale è frutto di una meticolosa ricerca, in cui sono state unite più tipologie del frutto, due di Bronte e uno di Agrigento. Una lavorazione particolare, con oltre 24 ore di tostatura e l’aggiunta di bacca di vaniglia del Madacascar e cristalli di sale di Cervia. “Veniamo dalla terra dell’olio e del vino – ha spiegato ieri Massimo Crispini, che a Rimini ha festeggiato il risultato sotto il podio, dove sono saliti il fratello Alessandro e la figlia Maria Chiara – e come per fare un buon vino vengono selezionate le migliori uve, noi abbiamo fatto uno studio e una ricerca abbinando pistacchi diversi, che attraverso una particolare lavorazione di tostatura e l’aggiunta di alcuni sapori particolari, come la bacca di vaniglia e il sale di Cervia, hanno reso il gusto di pistacchio ancor più speciale”.
IL SUCCESSO
I fratelli Crispini, in queste ore, sono stati presi d’assalto da esperti e giornalisti di settore provenienti dal tutto il mondo, Giappone e Cina compresi. “Si tratta di un grande risultato – racconta Massimo – e partecipare a questa selezione e vincerla ci ripaga di tanti anni di lavoro, oltre a darci una soddisfazione indescrivibile”. Tra i primi a congratularsi con i fratelli Crispini, anche il sindaco Fabrizio Cardarelli: “Il riconoscimento ottenuto – ha detto - è la dimostrazione di come il lavoro vissuto con passione, competenza e professionalità possa condurre al raggiungimento di risultati importanti e di grande gratificazione. Non posso che congratularmi, a nome dell’amministrazione comunale, con Alessandro e la famiglia Crispini per il premio ottenuto e per l’eccellente lavoro svolto fin qui: riconoscimenti di questo genere a livello internazionale sono motivo di orgoglio per la città tutta”.
LA SFIDA
Il Gelato World Tour è una manifestazione molto articolata. Le selezioni sono iniziate tre anni fa, con oltre 1.800 partecipanti, di cui 1.200 italiani. Nella top 36 del Gran Finale, sono rimasti in corsa 8 italiani. Sul gradino più alto, appunto, lo spoletino e umbro Alessandro Crispini (Italia).
2° premio: “Tributo alla Serenissima” di Guido De Rocco & Luca De Rocco della gelateria Eiscafé De Rocco – Schwabach – Germania
3° premio: “Amor-acuyá” di Daniela Lince Ledesma della gelateria Amor-Acuyá – Medellin – Colombia.
Marted├Č 12 Settembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 22:50

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
QUICKMAP