pinuspinuspinus

Giovedì 1 Gennaio, 01:00
@sereno49, certo, un vecchio insegnante di istituti tecnici che scrive "Handy Cap" invece di handicap mi sa che gli "aggiornamenti per varie cose" non li ha mai frequentati ...
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Sono apolitico, ma mi piacerebbe tanto sapere quali meriti ha la verginella per essere considerata il miglior sindaco d'Italia. Fino ad oggi compreso non ha fatto assolutamente nulla di nulla. Anche i bus provengono dall'amministrazione precedente, solo che quando eredita guai dice che non sono di sua competenza, quando eredita risultati si fa le foto sorridenti. Verginella, appunto
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
"dovrà rendere conto all’autorità giudiziaria della violazione delle norme sull’immigrazione." --> mamma mia, avrà tanta paura ora
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Tequi, io non lavoro nella PA per discendenza o per successione: ci lavoro da 7 anni perchè ho superato un concorso pubblico, aperto a tutti, dopo 12 anni di lavoro nel privato. conosco ambo i mondi. Nella PA sei tutelato perchè il tuo datore di lavoro è lo Stato, che per definizione non vuole sfruttare i dipendenti, ma lo stesso accade in centinaia di altri posti non statali, da ENI ad ENEL, Telecom, Finmeccanica, Della Valle, ecc. ecc. . Non puoi fare confronti con un piccolo impreditore. Io, come te, come tutti i dipendenti, pago tutte le tasse ed i servizi, i biglietti, faccio le corse per portare i figli a scuola, ecc. La soluzione non è togliere le tutele a chi le ha, ma darle a chi non le ha. Se può servire, nell'eterna diatriba pubblico/privato che ciclicamente si ripropone, vorrei solo farti notare che in 12 anni di privato ho avuto 4 promozioni, 5 aumenti e vari premi di produzione, non marcavo cartellino, ed ero contento di aver sfruttato i miei studi. Ora, da pubblico, ho avuto in 7 anni ben 67,50€ di aumenti, contratto bloccato, nessuna gratificazione, nessuna promozione, nessun "bravo". Il mio è la parte di PA che funziona, silenziosa, senza ballerine e cotillons, solo lavoro e sudore, per lo stesso stipendio che prende un cassiere delle poste appena assunto. Non mi lamento, ma non mi sento assolutamente un privilegiato, specialmente dopo aver ucciso la mia carriera ed i miei studi in cambio di un datore di lavoro più solido.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Lavoro nel settore pubblico, ma in un ambito in cui anche fare una telefonata a casa o fare un ritardo di 10 minuti ti costringe a chiedere autorizzazione del tuo superiore. Per dire che non tutto il pubblico è allo sfascio. Mi vergogno quindi io per primo quando leggo (ma anche e soprattutto VEDO) le orde di addetti AMA a banchettare/fumare/messaggiare fuori i bar con le strade del mio quartiere (Tuscolano) stracolme di rifiuti e cartacce e contenitori stracolmi, mi vergogno per questi eventi all'ATAC, mi vergogno per i vigli urbani, una razza che oramai da qualche anno se non oltrepassi Re di Roma in direzione centro ti scordi pure che esistono ...
dalla notizia:
Utenti più attivi / 7 giorni
con 113 commenti
con 91 commenti
con 77 commenti
con 77 commenti
con 73 commenti
Utenti che segue
Ancora nessun utente!
Utenti che lo seguono
Nessun follower, per ora!
QUICKMAP