leuconoe8

Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Quel melo è l'albero - simbolo della conoscenza del bene e del male . Dio l'ha messo lì per ricordarci che possiamo scegliere il bene o il male, ma prima dobbiamo conoscerli entrambi. La tentazione di mangiarne i frutti proibiti non è stata "indotta" da Dio . Lui si è limitato a esporre Adamo ed Eva alla tentazione per testarne la fede , non li ha certo attirati...
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Non risolveremo mai il rapporto Stato-Chiesa , rassegniamoci. Oggi l'Huffington Post titola "Monsignor Minniti ecc. " a proposito del vezzo del nostro ministro di scrivere su Avvenire. E continueremo a fare leggi strabiche, che strizzano un occhio a mammona e un occhio al vaticano (che poi non sono così divergenti e distanti fra loro....). E io mi vergogno ancora di essere italiana , quando scopro che esiste una normativa in base alla quale i single non possono adottare bambini, a meno che questi ultimi non siano disabili. L'occhietto strizzato al vaticano produce mostruosità come questa , nel silenzio dei paladini della civiltà, tutti occupati a fare lo sciopero della fame - a staffetta - per garantirsi ottocentomila voti di "nuovi" italiani in vista della batosta elettorale a cui vanno meritatamente incontro.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Nostradamus aveva previsto l'invasione degli alieni per il 2017...Menomale che si tratta solo di commenti a pioggia provenienti da Pandora : temevo peggio.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Avrei preferito che la giuria avesse scelto La Tenerezza di Gianni Amelio per rappresentare l'Italia . Evidentemente, nonostante il fallimentare esito di Fuocoammare, si vuole insistere sul messaggio sociale con intenti didascalici : è una scelta che , da semplice spettatrice non competente, non condivido. Continuiamo a esportare il racconto del peggio di noi, declinato in tutte le calamità che ci affliggono da decenni e che la politica non è in grado di affrontare. Possiamo anche ammantare di poesia la favola rom della comunità "che ruba per vivere" e incantare gli americani, ma noi , che questa realtà la viviamo tutti i giorni, siamo diventati impermeabili a poesie su questo tema. Mi ha lasciato basita l'iniziativa del comune di Roma, nell'ambito del Piano Nomadi : assumere un pool di mental coach per... convincere i rom della Barbuta e della Monachina ad accettare l'idea che per vivere è necessario lavorare e che il lavoro non è un disonore , ma un modo legale di mantenersi. Insomma, vanno "convinti" a lavorare da un pool di psicologi pagati con soldi pubblici, soldi sottratti a una Roma in inarrestabile degrado : raccontiamo anche questo agli americani.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Non sono vegana, Gia. Sono animalista incoerente : non mangio né cacciagione, né agnelli, né conigli , ma manzo, pollo, tacchino, pesce, uova... sì. I pelosi come i miei - di quei soriani a strisce che incontri in ogni angolo del mondo - devono essere sterilizzati perché sono prolifici e difficilmente si trovano persone disposte ad adottarli . Se li lasci liberi di accoppiarsi, nel giro di qualche anno ti ritrovi una ventina di bocche da sfamare, per non parlare della casa foderata di peluche....
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Buongiorno a tutti e bentrovati. Di passaggio sul Messaggero, ho ripensato con un po' di nostalgia ai "vecchi" tempi e mi è venuta voglia di entrare per un saluto. Condivido il giudizio di Gloria su Matt Damon : se un uomo con la sua popolarità conduce una vita normale, allora è fornito, oltre che di talento, anche di intelligenza. Mi è piaciuto in tutti i ruoli che ha interpretato, ma amo, in particolare, "Salvate il soldato Ryan" , forse perché accanto a Damon giganteggia il mio attore preferito, Tom Hanks.UN ALTRO GIGANTE, CONCORDO. Un saluto affettuoso a tutti e un messaggio speciale per Gia : i due pelosi, ritemprati dalle vacanze sul lago, sono tornati alla dura routine quotidiana della scelta del posto più comodo per pisolare....
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Seguo regolarmente le fiction su RaiUno e alcune mi piacciono moltissimo. Anzi, confesso che , quando non c’era rai replay, facevo in modo di non prendere impegni per le serate in cui andava in onda Montalbano - che resta la mia serie preferita . Rinuncio malvolentieri, comunque, a seguire in diretta le puntate di fiction interessanti e coinvolgenti, come tutte quelle interpretate da Beppe Fiorello o il recente Di padre in figlia, o I Medici o I Bastardi di Pizzofalcone… Sto vedendo anch’io con grande interesse la serie di Maltese (ultima puntata stasera ): regia e recitazione di livello e narrazione coinvolgente, anche se credo che sul tema della mafia siciliana La Piovra resti insuperata. Proprio non mi interessa l’etichetta di nazional-popolare con cui queste serie vengono bollate da una certa casta intellettuale. Fra l’altro, chi usa il concetto di nazional-popolare in senso dispregiativo e pretende di appellarsi a Gramsci, non ha letto Gramsci, che lamentava - invece - la mancanza in Italia di una letteratura nazional-popolare, molto fiorente, invece, in Francia. “ Con il risultato, sosteneva Gramsci, che gli italiani conoscono meglio la Rivoluzione francese che il Risorgimento e le invettive di Victor Hugo contro Napoleone III più che le invettive dei patrioti italiani contro Metternich e che si appassionano a un passato che non è il loro, sentendosi culturalmente più francesi che italiani”. Ben vengano, quindi, le fiction italiane di impegno civile, ma anche quelle di intrattenimento “alto”, come Camilleri definisce le sue storie, criticando l’idea elitaria e aristocratica che in Italia è ancora associata a tutte le forme espressive. Un saluto a tutti gli amici del blog, presenti e assenti.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Il grande melomane mi incarica di ricambiare i tuoi auguri, quelli di Gramm e quelli di tutti gli amici del blog. E' impegnatissimo, ma prima o poi vedremo levarsi il famoso fil di fumo....
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Approfitto della latitanza di cacciatori, pescatori e talebani della coerenza per lanciare il solito appello annuale in difesa degli agnelli...Lasciamo che conoscano almeno l'erba e il sole, invece di sgozzarli appena si affacciano alla vita. Io, come ho sempre fatto, non lo comprerò e non lo mangerò. Se qualcuno in famiglia non fosse d'accordo...potrebbe sempre prenotarsi un tavolo al ristorante. Auguri a tutti, presenti e assenti.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Ciao. gia... I mostri esistono, ma sono troppo pochi per essere veramente pericolosi: più pericolosi sono gli uomini comuni (non è mia, è di Primo Levi) . Non sono, quindi, gli ikran che ci portano ad aspera per astra, ma gli astronauti de noantri. I due felini campano felicemente e ti mandano i loro saluti dal bukhara, aprendo un occhio ciascuno.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Tu che vivi su Pandora, stella che brilla della luce della ragione, non puoi capirlo, ma il "viceversa" da noi è possibile. Noi qui in Terra siamo maestri nell'individuare i percorsi per astra ad aspera.... A tutti un saluto e un augurio di buona Pasqua (meglio portarsi avanti con il lavoro, visti i ritmi di pubblicazione ).
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Eccomi al raduno dei reduci della “benemerita”: siamo ancora qui, noi “usi a disobbedir parlando”, pronti a cogliere l’occasione per scambiarci almeno un saluto. Un tempo ci si scambiavano opinioni , ma ora i tempi pachidermici di pubblicazione impolverano e ingialliscono interventi e repliche. Per quanto riguarda la gaffe della serata degli Oscar, sarà pure clamorosa, ma credo che si stia prendendo la questione troppo sul serio. Teste che cadono, raduni minacciosi di gente infuriata fuori delle case dei responsabili, guardie del corpo assoldate per proteggerli…manca solo il taglio della mano che osò macchiarsi dell’infame delitto. Gli Stati Uniti hanno ben altre gaffe e ben altre questioncelle di cui preoccuparsi. E anche noi in Europa non scherziamo… Un saluto affettuoso a tutti
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Ah mes amis, quel jour de fête ! Il blog ha avuto un sussulto di vita e io ne approfitto subito per salutare tutti voi (potrebbe essere l'ultima occasione: sembra che lunedì prossimo, se vincerà il no, avremo piogge di zolfo e fuoco sulle città, eruzioni vulcaniche, guerre interspaziali e invasioni di ultracorpi, mentre sette angeli, uno dopo l'altro, suoneranno le loro trombe) Non posso parlare della fiction di Sorrentino: non l'ho vista perché ho disdetto Sky qualche mese fa. Quando arriverà su netflix la vedrò e sarò in grado di intervenire anch'io sull'argomento, ammesso che l'apocalisse ci risparmi...Noi speriamo che ce la caviamo. Un saluto affettuoso a tutti
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Il candidato ufficiale è Fuocoammare, ma quando leggerete questo messaggio forse sarà stato anche proclamato il vincitore (febbraio 2017). Aspetto di vedere il film in tv il 3 ottobre, ma l'accoglienza del pubblico nelle sale cinematografiche è stata, finora, molto tiepida. Il precedente di Terraferma, salutato da squilli di tromba alla candidatura e sonoramente bocciato alla prima scrematura, non è, d'altra parte, incoraggiante.... Sono contenta anch'io, come Gia, per le olimpiadi che non si faranno a Roma, ma non capisco le reazioni di stupore che questa decisione ha suscitato. Forse non siamo abituati a politici e amministratori che, dopo essere stati eletti, fanno esattamente quello che si erano impegnati a fare in campagna elettorale: la coerenza è ormai evento eccezionale e spiazzante. Un saluto affettuoso a tutti: quando vi raggiungerà saremo avvolti in cappotti, sciarpe e cappelli.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Non so se arriveranno in tempo i miei auguri di buon ferragosto (2016) a tutti gli amici del blog "perfettamente attivo e funzionante", ma provo lo stesso a inviarveli tramite questo vecchio e lento elefante. Quanto a questa Kim Kardashian, non sapevo chi fosse: adesso che lo so, posso anche dimenticarlo senza rimpianti...
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Che bello rileggere i vostri nomi su questa pagina ! Non so se durerà, quindi mi affretto a salutare tutti e a rassicurare Gia sulla - buona -salute del gattame. Proprio qualche giorno fa pensavo a Gia, mentre leggevo il discorso del papa sulla graduatoria fra viventi: chissà quante battutacce avrebbe fatto quello spiritello - mi dicevo - e quanto avremmo giocato sulla ciotola di croccantini portata per cena al vicino... Speriamo che sia la volta buona e che il blog riprenda a scorrere, ma per festeggiare il nostro ritrovarci propongo fin da ora un brindisi. E, dal momento che non so in che giorno e a che ora verrò pubblicata, propongo un caffè - che va sempre bene, invitando naturalmente il moderatore appostato dietro alla tastiera a berlo insieme a noi.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Auguri (un po' velati di tristezza per i fatti di Bruxelles) a Gloria e a tutti voi, compreso il moderatore covaiolo. Ammetto, però, che i tempi di cova sono notevolmente diminuiti, diventando più simili a quelli di un cardellino che a quelli del leggendario polpo di profondità.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Grazia, Il mio commento è stato inviato ai moderatori. Prego, aspetterò il tempo di cova (sembra che il record del tempo di cova sia quello del polpo di profondità - 53 mesi ).
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Entropia, caos....prima o poi spunterà questa stella danzante. Speriamo di non dover aspettare natale 2016 per ammirare questa cometa. Buona settimana a tutti.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
"È necessario essere loggati per inviare un commento": appena inviato il commento precedente, mi è comparso questo saggio avvertimento. Io sono loggata, tanto loggata che il mio nick compare sopra la finestra in cui sto scrivendo. Ho inserito il nickname e la password. Che altro devo fare, presentare il passaporto e chiedere un visto turistico?
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Se i lavori di ristrutturazione del salotto di Gloria fossero terminati, potremmo salutare Umberto Eco - ma anche Ida Magli, mia docente all'Università, potremmo festeggiare Gianfranco Rosi e il cinema italiano - ma anche discutere sulle strumentalizzazioni dei surfisti che si stanno accalcando sull'onda, potremmo interrogarci sulle magnifiche sorti e progressive che ci si aprono con le candidature a sindaco di Roma, potremmo incrociare le spade sul ddl Cirinnà e io potrei - amichevolmente, ça va sans dire - litigare con Gia sulle responsabilità dell'eterno incompreso M5S. Ma il salotto è troppo impolverato per avere voglia di sedersi sulle poltrone coperte dai teli delle lunghe assenze, fra secchi di vernice e pennelli abbandonati sul pavimento, quindi mi affaccio alla porta solo per salutarvi tutti e per rassicurare Gia sulla buona forma e sull'appetito gagliardo dei miei parassiti pelosetti.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Testo dell' email che ho inviato alla redazione web: "Per tradizione familiare sono da decenni una lettrice abituale de "Il Messaggero" e, ormai da anni, accedo all'edizione on line, commentando articoli e partecipando ai blog. La recente ristrutturazione della piattaforma ha reso praticamente inaccessibili i blog ai lettori, in aperta contraddizione con le finalità di questa modalità comunicativa. Il perdurare di "inconvenienti tecnici" - che, peraltro, non affliggono nessuna delle altre testate on line - dimostra da parte della dirigenza de Il Messaggero una scarsa considerazione sia per i lettori sia per i giornalisti, che vedono vanificato e mortificato il loro impegno. Se in due mesi non si è riusciti neppure a permettere ai lettori di leggere i commenti inseriti in ordine di data, né a eliminare le icone sproporzionate che coprono i nickname, né a pubblicare i post in tempi ragionevoli e approssimativamente prevedibili, se ne deve dedurre che evidentemente la Direzione non è interessata alla partecipazione dei suoi utenti. Per quanto mi riguarda, ne prendo atto con rammarico e restituisco la cortesia, rivolgendo, per il futuro, il mio interesse verso testate che facilitino, invece di ostacolarli, gli scambi comunicativi con e fra i lettori, ritenendoli un arricchimento. Cordialità "
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Gia, bellissima la tua espressione "sembra di scrivere sul bagnasciuga". Aggiungo, restando in tema, che sembra di affidare i propri messaggi alla classica bottiglia - prima o poi si areneranno e qualcuno li leggerà - o di stare su una barca con il mare grosso: la costa appare e scompare, per poi riapparire, una volta più vicina e un'altra più lontana. L'equipaggio, però, è ancora tutto a bordo (compresi due gatti con il giubbotto salvagente e la scorta di croccantini).
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Informatici fai da te? Ahi ahi ahi...
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Appassionante questa realtà in perenne rinnovamento. E un giorno compaiono i primi 5 commenti, ma gli altri restano pudicamente nascosti, e un altro compaiono tutti i commenti, ma i nomi dei commentatori sono semicoperti da un medaglione-ricordo e il testo è disseminato da interrogativi e dubbi amletici, e un altro ancora tutti i nodi ortografici sembrano sciolti per poi tornare subito a attanagliare chi scrive... Eppure non è una cosa difficile: la magia di pubblicare i commenti dei lettori riesce a tutti gli altri quotidiani on line. Magari i tecnici del Messaggero potrebbero chiedere un aiutino, altrimenti quest'anno rischiano di restare esclusi dalle selezioni del Nobel per l'informatica...
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Appassionante questa realtà in perenne rinnovamento. E un giorno compaiono i primi 5 commenti, ma gli altri restano pudicamente nascosti, e un altro compaiono tutti i commenti, ma i nomi dei commentatori sono semicoperti da un medaglione-ricordo e il testo è disseminato da interrogativi e dubbi amletici, e un altro ancora tutti i nodi ortografici sembrano sciolti per poi tornare subito a attanagliare chi scrive... Eppure non è una cosa difficile: la magia di pubblicare i commenti dei lettori riesce a tutti gli altri quotidiani on line. Magari i tecnici del Messaggero potrebbero chiedere un aiutino, altrimenti quest'anno rischiano di restare esclusi dalle selezioni del Nobel per l'informatica...
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Appassionante questa realtà in perenne rinnovamento. E un giorno compaiono i primi 5 commenti, ma gli altri restano pudicamente nascosti, e un altro compaiono tutti i commenti, ma i nomi dei commentatori sono semicoperti da un medaglione-ricordo e il testo è disseminato da interrogativi e dubbi amletici, e un altro ancora tutti i nodi ortografici sembrano sciolti per poi tornare subito a attanagliare chi scrive... Eppure non è una cosa difficile: la magia di pubblicare i commenti dei lettori riesce a tutti gli altri quotidiani on line. Magari i tecnici del Messaggero potrebbero chiedere un aiutino, altrimenti quest'anno rischiano di restare esclusi dalle selezioni del Nobel per l'informatica...
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
Un "ben ritrovati" a tutti - inclusi i talentuosi informatici che ci hanno sbalordito per un mese con una gestione creativa e sempre diversa della piattaforma. A quest'ora della notte i commenti sono troppo impegnativi e mi limito, quindi, a fare gli auguri di buon anno a tutti voi.
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
la differenza è che Triton è una missione internazionale, con costi sostenuti dall'Europa. La beffa è che i salvati vengono tutti portati in Italia, perché "è il paese ospitante l'operazione".
dalla notizia:
Giovedì 1 Gennaio, 01:00
@giolanzet Quale espulsione immediata? Non potranno, quindi, più avanzare l'immancabile ricorso avverso il provvedimento, trascinandolo per tre gradi di giudizio e avvalendosi del gratuito patrocinio? Pensa davvero che alla consegna del pezzo di carta faranno diligentemente le valigie?
dalla notizia:
Utenti più attivi / 7 giorni
con 81 commenti
con 71 commenti
con 66 commenti
con 59 commenti
con 52 commenti
Utenti che segue
Ancora nessun utente!
QUICKMAP