La Pasqua vista attraverso i sonetti di Trilussa

Trilussa
Animali e cose di Pasqua come li ha raccontati Trilussa:

La colomba:
Incuriosita de sapé che c’era/ una Colomba scese in un pantano,/ s’inzaccherò
le penne e bonasera./ Un Rospo disse: – Commarella mia,/ vedo che, pure te,
caschi ner fango.../ - Però nun ce rimango... -/ rispose la Colomba. E volò
via.

L'agnello:
Un lupo che beveva in un ruscello/ vidde, dall' antra parte de la riva,/
l'immancabbile Agnello./ - Perché nun venghi qui? - je chiese er Lupo -/ L'
acqua, in quer punto, é torbida e cattiva/ e un porco ce fa spesso er semicupo.
/ Da me, che nun ce bazzica er bestiame,/ er ruscelletto é limpido e pulito... -
/ L' Agnello disse: - Accetterò l' invito/ quanno avrò sete e tu nun avrai fame.

La campana:
Che sôno a fa'? - diceva una Campana. -/ Da un po' de tempo in qua, c'è tanta
gente/ che invece d'entra’ drento s'allontana./ Anticamente, appena davo un
tocco/ la Chiesa era già piena;/ ma adesso ho voja a fa' la canoffiena/ pe'
chiamà li cristiani cór patocco!/ Se l'omo che me sente nun me crede/ che
diavolo dirà Dommineddio?/ Dirà ch'er sôno mio/ nun è più bono a risveja’ la
fede. -/ No, la raggione te la spiego io:/ je disse un angeletto/ che stava in
pizzo ar tetto -/nun dipenne da te che nun sei bona,/ ma dipenne dall'anima
cristiana/ che nun se fida più de la Campana/ perché conosce quello che la
sona...
Domenica 24 Aprile 2011, 11:01 - Ultimo aggiornamento: 30 Novembre, 00:00
COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
0
QUICKMAP