Vicker, ecco la "Uber" del lavoro: un'app italiana per risolvere i piccoli problemi di ogni giorno

Un'app gratuita per smartphone per far fronte alle piccole emergenze quotidiane. Se serve un giardiniere, un idraulico o una tata, basta scaricare, su iOS o Android, Vicker. Grazie alla geolocalizzazione infatti, l'applicazione mette in comunicazione diretta le necessità quotidiane di chiunque, in qualsiasi ambito, con un universo di piccoli lavoratori occasionali e professionisti con partita Iva. Qualsiasi sia il servizio di cui l'utente può aver bisogno – dai lavori di fatica, alle riparazioni, dalle ripetizioni alle faccende burocratiche fino alle commissioni quotidiane – Vicker permette di trovare la persona giusta grazie ad un'interfaccia semplice e intuitiva. Basta effettuare una ricerca indicando luogo, tempi e compenso per il servizio richiesto (a partire da un minimo di 20 euro) e tutti i lavoratori iscritti a Vicker per quel settore professionale ricevono un alert e si possono candidare. L'utente può scegliere a chi affidare l'incarico consultando il profilo dei candidati e soprattutto le opinioni di chi si è già avvalso del loro aiuto.

Un'idea che è venuta a due ragazzi italiani, Matteo Cracco e Luca Menti, entrambi di Vicenza ma romani d'adozione, che sono partiti da una passione comune, la musica, per poi fondare insieme a dicembre del 2015 la loro startup. I risultati non si sono fatti attendere: Vicker è stata l'unica azienda italiana a partecipare, lo scorso maggio, al TechCrunch Disrupt di New York, uno dei più importanti eventi tech riservati alle startup. L'app, operativa su Roma da metà aprile e su Vicenza dagli inizi di maggio, conta già quattromila iscritti.

Vicker si impegna a proteggere la privacy degli utenti, e nel contempo seleziona tramite colloqui diretti tutti i lavoratori che si iscrivono al servizio. Inoltre, per completare la registrazione e potersi poi candidare ad una prestazione di lavoro, tutti gli iscritti come lavoratori devono caricare nel sistema documento di identità e codice fiscale. Per pagare si utilizza Paypal (con transazione autorizzata solo a lavoro concluso), e vengono fornite fatture e ricevute precompilate e vengono permesse prestazioni in regola per tutti i lavoratori autonomi, con e senza partita IVA. «Per noi questo è un aspetto fondamentale – spiega Menti - Il nostro scopo è quello di connettere le persone mettendo anche a frutto il potenziale professionale inespresso di molti. Si tratta sempre di lavoratori autonomi o liberi professionisti, ma volevamo creare un sistema che tutelasse sia chi fruisce del servizio guadagnando tempo libero per le cose che ama, sia i lavoratori, e questo è garantito a monte dalla nostra selezione dei candidati, e in seguito, dal sistema dei feedback che creano rapporti di fiducia premiando chi lavora bene».

Gioved├Č 16 Giugno 2016 - Ultimo aggiornamento: 17-06-2016 18:58

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
QUICKMAP