Russia, ora i computer sanno riconoscere le emozioni attraverso la voce

(Foto Ansa)
di Luis Cortona
Che sapessero riconoscere le nostre voci è un dato ormai storicizzato: Siri è nata nel 2012 e Google Assistant ormai è disponibile anche in italiano. Ma adesso i computer stanno imparando a riconoscere anche le emozioni. C'è già un software in grado di farlo, ed è stato creato dalla scuola superiore di economia russa (Hse). Gli informatici lo hanno presentato alla conferenza internazionale Neuroinformatics-2017.

La componente emotiva finora era esclusa dal riconoscimento vocale. Pur rappresentando una parte essenziale del significato di una frase, nessun software era in grado di percepire il nostro stato d'animo. Ad esempio, per la stessa domanda «è tutto ok?», le persone possono rispondere: «Naturalmente!» con intonazioni diverse e dare così alla risposta un significato diverso: provocatorio, allegro o tranquillo.

I ricercatori russi hanno allora pensato di mettere a punto una rete neurale. Come i nostri neuroni, più processori collegati a loro riescono ad apprendere informazioni. In questo caso sono stati addestrati a riconoscere otto emozioni diverse, distinguendo fra espressioni neutre e calme, felici o tristi, arrabbiate, spaventate, disgustate o sorprese.

Dai primi test il sistema è risultato efficace nel 70% dei casi, riuscendo a cogliere, nella voce, la sfumatura giusta, identificato correttamente l'emozione in modo più efficiente rispetto agli algoritmi tradizionali. Ha distinto con successo i toni neutri e tranquilli, mentre felicità e sorpresa non sempre sono stati riconosciute: la felicità è stata spesso percepita come paura e tristezza e la sorpresa interpretata come disgusto. Ma questa, forse, è un'altra storia.
Venerd├Č 10 Novembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 12-11-2017 18:42

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
  • 6
QUICKMAP