Ricatti a luci rosse, Facebook agli utenti: «Inviateci le foto di nudo così le bloccheremo»

Facebook ha iniziato a chiedere foto di nudo per prevenire il revenge porn. La notizia ha suscitato clamore e preoccupazione per gli utenti. Si tratta per ora solo di un test, un progetto pilota avviato in Australia, ma la polemica ha obbligato l'azienda di Menlo Park a un chiarimento: «Non vogliamo che Facebook sia un posto dove le persone temono la condivisione senza consenso delle proprie immagini intime», dicono dall'azienda, affermando di voler «chiarire come funziona il test, un po' diverso da ciò che abbiamo sperimentato in passato».

Le informazioni sono state pubblicate su Twitter (sic!) da Alex Stamos, security chief officer di Facebook: «Non stiamo chiedendo a persone a caso di darci foto di nudo», l'obiettivo è dare una via d'uscita a potenziali vittime, come nel 
caso di Tiziana Cantone, morta suicida dopo la diffusione online di un suo video intimo.

«È un'opzione d'emergenza», ha spiegato poi il capo globale della sicurezza di Menlo Park, Antigone Davis, che è stata portata avanti insieme ad alcune autorità locali per chi teme che una sua immagine hard possa essere diffusa per vendetta, magari da un ex partner o un molestatore. Sarà l'utente a decidere volontariamente di fornire l'immagine «osé» a Facebook «per fare in modo che non venga mai condivisa in prima battuta». La foto viene comunque vista da un team umano, personale «specificamente formato» sottolinea la compagnia, che la valuta e ne crea una sorta di impronta digitale, una rappresentazione numerica che gli algoritmi riconoscono come univoca. Solo questo «marchio» viene conservato, la foto in sé viene invece cancellata dai server di Facebook. Se qualcuno provasse a caricare quell'immagine sul social il sistema ne riconoscerebbe l'impronta e lo impedirebbe.
Venerd├Č 10 Novembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 12-11-2017 21:09

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
  • 54
QUICKMAP