Amazon brevetta un braccialetto elettronico per guidare i dipendenti nello smistare i pacchi. Ed è polemica

di Francesco Malfetano

Velocizzare la ricerca dei prodotti nei magazzini e ottimizzare i tempi di gestione degli ordini. Amazon ha appena brevettato un braccialetto wireless che permette tutto ciò. Il dispositivo è in grado di monitorare con precisione dove i dipendenti mettono le mani, vibrando per guidarle nella direzione giusta. In pratica consente di controllare ogni singolo movimento dei lavoratori.

Secondo il magazine online GeekWire, che ha potuto visionare il prototipo, appena verrà effettuato un ordine dal sito di Amazon i dettagli verranno trasmessi sul braccialetto. A quel punto, indirizzato dal nuovo dispositivo, il dipendente non dovrà fare altro che prendere la merce, inscatolarla e predisporla per la spedizione. Nessuna ricerca manuale tra gli enormi scaffali nei depositi dell’azienda. Tuttavia è lo stesso GeekWire a sollevare dei dubbi sull’utilizzo del braccialetto. Questo infatti potrebbe essere un mezzo scelto dall’azienda di Seattle per controllare l’operosità dei suoi lavoratori.

«Amazon - avverte il sito statunitense - si è già guadagnata la reputazione di una società che trasforma i dipendenti, pagati poco, in robot umani». Il brevetto, depositato nel 2016 e riconosciuto il 30 gennaio scorso, ha già scatenato polemiche anche in Italia. Il primo a intervenire sulla questione è stato il ministro del Lavoro Giuliano Poletti che, riferendosi al controllo dei dipendenti, ha chiosato «in Italia c’è una legge, e la legge va rispettata».

Poletti ha infatti ricordato che per consentire quel tipo di monitoraggio servirebbero degli accordi, in primis con i sindacati. E proprio questi ultimi non hanno mancato di dire la propria sostenendo che il braccialetto metterebbe a rischio la privacy dei dipendenti. Ma tutte le forze politiche si sono schierate contro il braccialetto accusando Amazon di schiavismo del terzo millennio. L'azienda dal canto suo ha preferito non commentare la vicenda.
Giovedì 1 Febbraio 2018 - Ultimo aggiornamento: 22:01

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 6 commenti presenti
2018-02-02 14:19:42
Come diceva Lenin:La fiducia è bene, il controllo è meglio. Poi venne Stalin e su tali affermazioni ne fece un Dogma tanto da creare i Gulag, A distanza di decenni la stessa cosa si sta replicando anche se non in maniera uguale, ma similare sul posto di Lavoro è questa e la dimostrazione
2018-02-02 09:21:17
Anzi che vibra solo e non gli trasmette una scossa tipo teaser
2018-02-02 08:53:27
Capito il progresso?. Le Aziende monitorano i lavoratori mentre i criminali girano liberi e tranquili. Lo Stato dopo aver speso milioni non è in grado di garantire controlli con braccialetto elettronico ai criminali.
2018-02-02 08:12:48
Il Grande Fratello, quello vero. è arrivato. Il rapporto fra datore di lavoro e dipendente dovrebbe essere basato sulla fiducia reciproca. Così, invece, ogni dipendente è considerato a priori un disonesto. Non ci siamo.
2018-02-02 07:36:38
E' davvero vergognoso! Questa si chiama schiavitù, non lavoro. La dignità umana dei lavoratori immolata sull'altare della produttività. Spero che i sindacalisti, così bravi ad alzare polveroni quando si tratta di ottenere benefici per sè dalla politca,, per una voltà facciano una battaglia contro la schiavitù dei colossi commerciali esteri.
6
  • 239
QUICKMAP