Arabia Saudita, gli stadi aprono alle donne: ammesse a vedere le partite

Ph. ANSA
di Stefania Manservigi
Un week end storico, quello in corso in Arabia Saudita, dove le donne per la prima volta sono potute entrare in uno stadio per assistere alle partite di calcio maschili.

La decisione era stata presa lo scorso 29 ottobre dal principe ereditario Muhammad ben Salman, ed è entrata in vigore a tutti gli effetti venerdì 12 gennaio.

Così, dopo il divieto di guidare, è un altro il tabù a cadere, in un paese islamico conservatore dove la segregazione delle donne è da sempre un problema reale.

Libero accesso allo stadio anche al pubblico femminile, sì, ma con il rispetto di alcune restrizioni: alle donne è stato riservato un settore dedicato alle famiglie, per tenerle lontane dagli sguardi indiscreti degli uomini non sposati. Una separazione che dovrà essere rispettata anche al di fuori dello stadio, nei parcheggi e nei percorsi di accesso alla struttura.

Il primo stadio che ha aperto le porte alle donne è stato quello di Gedda, città portuale sul Mar Rosso da sempre meno esposta alle rigide restrizioni imposte dalla dottrina religiosa dello Stato, dove, vestite con il velo e maglie arancioni sopra l’abito tradizionale, le tifose arabe hanno potuto assistere al match fra le squadre di Baten e Ahli. Esperienza replicata sabato, nella capitale Riad e di nuovo a Gedda. Sono per il momento infatti solo tre le strutture indicate dall’Autorità generale dello Sport come idonee ad accogliere le sostenitrici femminili:  lo stadio internazionale re Fahd a Riad, lo stadio re Abdullah a Gedda e lo stadio principe Mohammad bin Fahd a Dammam.

Un week end di prime volte, quello che si sta consumando negli stadi arabi che, in un paese dove alle donne non è ancora concesso aprire un conto in banca o viaggiare all’estero senza un uomo, in fondo sa già  un po’ di rivoluzione.
Sabato 13 Gennaio 2018 - Ultimo aggiornamento: 14-01-2018 09:51

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2018-01-14 08:37:38
Bah, sono sempre indietro di mille anni.
2018-01-14 06:42:34
Anche nell'antica Antica Grecia non era lecito alle donne assistere alle gare atletiche. In fondo erano appena in ritardo ( in alcuni costumi sociali) di 2600 anni. E che sarà mai!!!! Paolo Diamante Roma
2
  • 369
QUICKMAP