Canada, donna ferita nel bosco, i suoi cani l'assistono per giorni e aiutano i soccorsi a trovarla

di Antonio Bonanata
La scomparsa di una donna, che poteva avere un tragico epilogo, si è conclusa nel migliore dei modi (con il suo ritrovamento) grazie ai tre cani che erano con lei quando si è persa, i quali l’hanno assistita e accudita per due giorni interi. È la disavventura capitata ad Annette Poitras, 56 anni, della provincia canadese del British Columbia.

Lunedì scorso Annette si era incamminata per un percorso impervio e isolato in una zona boschiva della regione in cui vive, accompagnata dal suo border collie, di nome Chloe, dal boxer Roxy e da Bubba, della razza “pug-beagle”. Dopo una caduta, la donna è rimasta ferita e senza il cellulare con cui chiamare i soccorsi. I tre cani le sono rimasti accanto per due giorni e due notti, senza alcuna provvista e con temperature proibitive, per giunta sotto piogge torrenziali.

Il marito della donna, non avendo notizie, ha subito allertato la polizia, che – con una squadra di cercatori – ha avviato la perlustrazione della zona dove Annette aveva fatto perdere le sue tracce. Una squadra di più di 100 uomini e due elicotteri hanno ispezionato un’area vasta e impenetrabile intorno alla Eagle Mountain, riuscendo a localizzare Annette lo scorso mercoledì, dopo 48 ore trascorse senza cibo e al freddo.

La donna ha poi raccontato che Chloe, Roxy e Bubba non l’hanno lasciata sola neanche per un momento, assistendola e aiutandola a restare viva. Annette ha usato il suo giubbotto per tenere al caldo Roxy, il boxer, lasciando fare il resto agli altri due cani, che avevano scavato una buca per ripararsi dal gelo durante la notte, seguendone l’esempio e mettendosi lei stessa sottoterra. «Uno di loro le stava accanto e la riscaldava, un altro si era messo a guardia e il terzo ha provato a cercare qualcosa di commestibile» ha dichiarato Marcel, il marito della donna.

Nella giornata di mercoledì, mentre le ricerche proseguivano incessantemente, i soccorritori hanno udito una voce che chiamava aiuto, unita all’abbaiare dei cani, e alla fine sono riusciti a localizzare il punto esatto in cui si trovava la donna. L’hanno trovata in buone condizioni, nel mezzo di un folto cespuglio. Marcel Poitras ha riferito che la moglie è stata poi ricoverata in ospedale per accertamenti, da dove sta per essere dimessa. La coppia ha precisato di voler essere lasciata tranquilla e al riposo, in compagnia di Chloe, Roxy e Bubba.
Sabato 25 Novembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 15:08

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 9 commenti presenti
2017-11-26 19:03:14
L'amore del cane verso l'uomo é uno dei grandi misteri della biologia o, potrei dire del creato, se creato non implicasse una corrotta lettura della biologia ad usum dell'uomo e gli atri esseri viventi del pianeta non fossero altro che cose al suo servizio, La risposta dell'uomo a questo amore ha tardato,riducendosi forse per millenni ad alleanza per la caccia,Poi le armi hanno reso il cane utile , ma non necessario ed Eros ha lanciato il suo dardo, e non a caso solo un semidio di una religione antica poteva essere in grado di farlo. Oggi il cane,sensiente, ha guadagnato il primato di essere primo nella fauna di affezione dell'uomo, ma l'uomo cosa ne ha ricavato da questo rapporto? La Verità é che l'annosa diatriba fra spirito e corpo, l'anima, concime del razzismo prima verso la donna,e poi verso altre culture, ci hanno fatto dei contenitori vuoti, perché se fossimo spirito , saremmo il suo incubo e come corpo o lo esaltiamo fino alla violenza dell'uomo sulla donna o ce ne vergogniamo, perché ci accorgiamo , con turbamento, di essere animali, componenti del mondo animale., tra i peggiori. Il cane, il nostro amore per lui ed il suo amore per noi, ci hanno insegnato che l'animalità, non é qualcosa di cui vergognarci, é,invero la nostra unica miniera,dobbiamo scavare ed ancora scavare, questo é il nostro Habitat, guardare al cielo ,come stiamo facendo in questi giorni, non é vuota spiritualità, ma il tentativo di distrarci ,di non guardare verso il Mediterraneo. e di questo dobbiamo essergli sempre grati..
2017-11-26 18:09:50
perche',qualcuno duro di comprendonio,aveva ancora dei dubbi sull'amore e sulla fedelta' incondizionati che sanno dare i cani?
2017-11-26 12:34:34
cani, compagni stupendi come poche volte lo sono gli umani, è l'unico loro interesse è un po' di cibo e coccole... vorrei qui i commenti di chi li considera bestie da uccidere e basta!!!
2017-11-26 09:13:22
altra prova della intelligenza dei cani e di molti altri animali tipo il cavallo ecc ecc per i domestici e molti altri allo stato cosi detto selvaggio ma il vero selvaggio resta l'uomo e i fatti che succedono lo dimostrano per non parlare dello scempio e sconvolgimento della natura con la distruzione delle foreste,degli arenili,della caccia indiscriminata e dell'abusivismo edilizio per non tornare molto indietro e parlare della distruzione di intere etnie sempre avvenute nel corso dei secolo ,anche recenti .
2017-11-25 19:02:46
Ancora una volta il cane non ci sorprende.come naturale amico,con un corpo,come il nostro fatto di carne,sangue ossa e se non avesse l'anima, possiamo fare con la nostra, a metà con lui. Smettiamola di definirci padroni e passiamo ad amici e quando la morte lo sorprende e molto prima di noi, la sua vita é breve, perché il suo metabolismo é più alto, ch'egli sia cadavere e non, come pretende la Chiesa ;carcame o carogna, perché l'essere cadavere sia esclusiva prerogativa dell'uomo.
9
  • 211
QUICKMAP