Tù sì que vales, Gf Vip, Tale e Quale, X Factor non stancano mai

I giurati di Tù sì que vales
di Marco Castoro
L'odore delle feste natalizie è nell'aria e come è tradizione si concludono i programmi che hanno dato vita all'autunno tv. Ma la tradizione continua anche negli ascolti. Passano gli anni ma certi format non stancano il pubblico a casa. Anzi, crescono addirittura negli ascolti. In attesa della finale di X Factor, si sono già conclusi Tale e Quale Show, il Gf Vip e ieri sera Tù sì que vales

Il programma che vede in giuria, tra gli altri, tre pilastri della tv italiana come Maria De Filippi, Gerry Scotti e Mara Venier, ha stabilito un'altra performance straordinaria. La finalissima è stata vista da una media 5,3 milioni di spettatori e il 27,5% di share. Con picchi del 38,7% e oltre 6,5 milioni. In 11 settimane di messa in onda Canale 5 ha vinto ogni sabato sera, collezionando la media più alta di sempre: 5.215.000 telespettatori e 28,6% di share. Con il 30,4% di share tra i 15-19enni e 29,7% tra i 15-34 anni. Rispetto all'anno scorso 200 mila spettatori in più di media (400 mila nei confronti del 2015).

Ma a crescere non è soltanto Tù sì que vales. Anche il Gf Vip si è superato rispetto all'edizione precedente: finalissima al 31% di share (contro il 26%) e una media di 5 milioni e mezzo di media. X Factor aspetta la finale per stabilire il nuovo record di sempre. Per ora il risultato più alto di tutte le edizioni trasmesse di SkyUno risale allo scorso 26 ottobre, la puntata con il primo live che è stata vista da oltre 1 milione 455 mila spettatori. Non va dimenticato che possono vederlo solo gli abbonati.

Stagione positiva pure per Tale e Quale Show. Quasi 4,9 milioni la media spettatori della finale, pari al 23% di share ma in concomitanza c'era la partita Napoli-Juventus sulle pay tv. Questo spiega la leggera flessione nella media con la finale del 2016 (5.315.000 spettatori pari al 24,4% di share). Ma tutte le altre puntate sono andate fortissimo. Ha perso il successo della serata soltanto quando Carlo Conti è stato costretto a scontrarsi contro Maria De Filippi al sabato per lasciare il venerdì sera alla Nazionale di calcio.
 
Domenica 10 Dicembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 14:03

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2017-12-29 20:34:42
E chi asserisce che tali programmi non stancano mai ,senz'altro gli autori i presentatori che fanno affari con i lauti introiti e tutti coloro cher partecipano che si illudono di una vittoria che e' per pochi forse pure pilotata Gli altri si accontentano di un passaggio televisivo di qualche minuto di notorieta' Alla stragrande maggioranza del popolo e' stufa e arcistufa di ripresentare tali programmi per decenni evidentemente gli autori campano di rendita in quando non hanno idee nuove sicuri che qualche milione di utenti appiattiti sul nulla rendono ancora tale programmi ripresentati per decenni
2017-12-13 06:13:03
A Marco Castoro sfugge una cosa: questi programmi, basati tutti sulle gare, hanno successo perchè i realizzatori hanno saputo far risuscitare, nel popolo ebete, il piacere sadico delle sfide tra gladiatori, nelle arene dei suoi avi. Un ritorno, insomma, anche se non c'è ora il sangue che scorre, ad un passato mai sopito, anzi riacutizzato proprio in concomitanza del crollo dei valori etici.
QUICKMAP