Foglie bagnate sulle strade, basterebbe raccoglierle

«Per noi, obbligati a scegliere la moto come arma antitraffico, le foglie e la pioggia rappresentano una sfida estrema: con le due ruote è come correre su una lastra di ghiaccio, la caduta sempre in agguato», sintetizza il professor Gianluca Grazi, bisturi di prima grandezza, primario all'Ifo. E chiude: «Guido a passo d'uomo, terrorizzato». Centinaia di migliaia di romani come lui. La Capitale è sommersa da foglie di platano, cadute da alberi non potati che si imbevono di pioggia formando a terra...
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Venerdì 1 Dicembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 08:04

© RIPRODUZIONE RISERVATA

QUICKMAP