18 novembre 1943 A Roma fallisce un attentato contro il generale Graziani

di Enrico Gregori
A Roma, fallisce un attentato gappista contro il generale Rodolfo Graziani, ministro della Difesa della Rsi e capo delle forze armate repubblicane, ed i comandanti delle truppe tedesche in Italia, Kesselring e Maeltzer, riuniti al teatro Adriano per una manifestazione fascista. L’ordigno già piazzato non esplode per cause mai chiarite.
Graziani venne inserito dall'ONU nella lista dei criminali di guerra (per l'uso di gas tossici e bombardamenti degli ospedali della Croce Rossa) su richiesta dell'Etiopia, ma non venne mai processato. Fu invece processato e condannato a 19 anni di carcere per collaborazionismo, ma scontati quattro mesi fu scarcerato.
Sabato 18 Novembre 2017 - Ultimo aggiornamento: 00:54

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
QUICKMAP