seguici su Facebook Twitter Google+ RSS
Mercoledì 23 Aprile - agg.10:53
Sfoglia il nuovo giornale digitale
Messaggero logo
Roma

Ruby e donne arabe, lettere di protesta contro Beppe Grillo

Pubblichiamo due lettere di protesta inviate a Beppe Grillo che giorni fa disse rivolgendosi a Berlusconi: "Fugga sulle spiagge tunisine sono piene di Ruby". Le lettere sono state scritte da Leila Hidri, da 13 anni a Roma, mediatrice culturale e da Ouiem Abidi, traduttrice simultanea presso il tribunale di Roma. Entrambe fanno parte di associazioni che lottano per l'integrazione e per i diretti dei tunisini in Italia. In particolare Leila chiede un confronto tra Grillo e le donne arabe. Entrambe vorrebbero che il leader di M5S si scusasse.

LA LETTERA DI LEILA HIDRI
(videointervista)

Le dichiarazioni lanciate giorni fa dal signor Beppe Grillo, leader del Movimento Cinque Stelle, a proposito della presenza di tante "Ruby" in Tunisia, non seguite da nessuna rettifica né scuse, hanno offeso tutte le comunità tunisine presenti in Italia, in modo particolare le tante donne in seno a queste comunità.

Il signor Grillo per attaccare il suo avversario politico, Silvio Berlusconi, ha usato la figura della donna araba per raggiungere il suo scopo, comportandosi così alla stregua dello stesso Berlusconi, il quale per giustificarsi, ha asserito che la ragazza marocchina fosse la nipote del presidente Mubarak.
Ci mancava proprio il signor Grillo per offendere la dignità delle donne tunisine ed i sentimenti del popolo tunisino, che ha scatenato con grandi sacrifici le rivoluzioni della Primavera Araba.

Grillo non può accostare le donne tunisine ad una signorina che non ha nulla a che fare né con loro né con la Tunisia stessa, essendo la stessa Ruby una vittima di un mondo crudele che sa solo sfruttare le donne povere, indipendentemente dalla nazionalità o fede, spesso disposte a tutto pur di ottenere qualche occasione di lavoro in un paese straniero, come lo è l'Italia per tantissimi immigrati.

Le donne tunisine e arabe sono le sorelle delle donne italiane e le donne del mondo, che subiscono, soffrono e lottano per una vita migliore, per un modo libero e democratico, privo di sfruttamento e di ingiustizia.

Questa mia lettera è un invito al signor Grillo a rivedere le sue parole e per restituirci il rispetto dovuto. Perciò lo invito ad un dibattito con noi donne arabe, dal momento che ci teniamo molto ad integrarci nella società italiana per vivere in un paese democratico, equo e libero.

Leila Hidri

Rappresentante comunitá Tunisina nel comitato organizzativo degli Arabi Italiani

LA LETTERA DI OUIEM

All'attenzione del Signor Beppe Grillo la sottoscritta Ouiem Abidi 25 enne italo-tunisina residente a Roma le rispondo a quanto da lei dichiarato su alcuni giornali nazionali del paese sulla questione di Berlusconi dicendogli "Fugga sulle spiagge tunisine piene di Ruby"

Con queste sue affermazioni lei ha offeso le donne tunisine ed anche me ... tra l'altro le faccio presente che Karima El Mahroug detta "Ruby" non è una tunisina ma marocchina e anche se lo fosse non è affatto carino che una persona come lei ora in politica generalizza tutte le donne come se fossero delle "Ruby".

Queste donne che lei ha offeso sono studentesse, bloggers, giorlaniste, avvocatesse, insegnanti, pilote, giudici,ecc... che nel periodo tra dicembre 2010 e gennaio 2011 sono scese nelle piazze tunisine per affermare la propria dignità e trasformare le proprie vite nello spazio e nel tempo della rivolta, sono donne che hanno sempre lottato per ottenere la parità d'uguaglianza tra uomo e donna, raggiungendola per prime nel mondo arabo nel 1956.
Siamo donne che a tutt'oggi continuiamo a lottare per la nostra dignità e non daremo mai e poi mai la possibilità che qualcuno ce la possa calpestare, tanto meno a lei.

Quindi sarebbe doveroso da parte sua rivolgere le sue scuse alle donne tunisine e comunque a tutte le donne e la prossima volta prima di parlare ci auguriamo che lei approfondisca un po' la sua cultura generale senza cadere nelle stesse barbine figure di politici a cui noi siamo da tanto tempo abituati.

Buona continuazione.

Ouiem Abidi

Lunedì 18 Marzo 2013 - 14:33
Ultimo aggiornamento: -
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
DIVENTA FAN DEL MESSAGGERO
SEGUICI su facebook
LE NEWS PIÙ LETTE

Ministeri, ecco i nuovi tagli in arrivo Renzi riduce i budgete di 200 milioni

Gli ultimi nodi sono stati sciolti ieri sera in un incontro tra Matteo Renzi e il ministro...

Da Milano a Roma per un "week end di paura": «Sporca, trasandata e inefficiente di questa Capitale c'è solo da vergognarsi»

Buongiorno a tutti, mi chiamo Federica Rossi e vivo in provincia di Milano, ma sono nata e cresciuta a...

Mara Venier invita Maria De Filippi e fa infuriare Antonella Clerici: «Basta pubblicità alla concorrenza»

Da un po' di tempo a questa parte Mara Venier sembra molto ospitale con le amiche di Mediaset. Qualche...

Auto travolge coppia di fidanzati su una panchina: lui, 17 anni, muore

Non ce l'ha fatta Luca Perugini, il17enne che era stato travolto da un'auto fuori controllo mentre...

«Sesso e orge, tutto vero»: il film su Strauss-Khan con Depardieu è già un caso, sfiderà online il festival di Cannes

A Cannes non l'hanno voluto. Ma Welcome to New York, il film-scandalo di Abel Ferrara su Dominique...

CASA
Pensioni nel 2014, cresce l'età delle donne
Si allontana il congedo. Nel 2017 pareggio anagrafico tra i due sessi
Case sfitte, quando e perché si paga l'Irpef
La tassa è dovuta per alloggi vuoti nella città di residenza
L'elenco aggiornato delle spese detraibili
Dagli interessi per il mutuo ai ticket sanitari, le spese che si possono...
GUARDA TUTTE LE NEWS
CONSULTA GLI ANNUNCI IMMOBILIARI
IL METEO
TUTTOMERCATO
CALTAGIRONE EDITORE | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI | PRIVACY
© 2012 Il MESSAGGERO - C.F. e P. IVA 05629251009