seguici su Google+ RSS
Martedì 22 Luglio - agg.11:14
Sfoglia il nuovo giornale digitale
Messaggero logo
Roma

La grande truffa degli Stradivari
indagato liutaio di Campo de' Fiori

Lebet il liutaio di Campo de' Fiori

ROMA - TRA le sue abili mani sono passati gli strumenti più rari e preziosi del mondo. Ha accordato anche un violino con il quale Paganini si esercitava da bambino. Ma ora Claude Lebet, liutaio italo svizzero con studio a Campo de’ Fiori, ritenuto tra i più esperti nel settore, rischia grossi guai con la giustizia. Perché è vero che restaura, vende, scambia gli strumenti antichi più desiderati dai musicisti e dai collezionisti, ma non sempre li restituisce.

Questo almeno gli contesta il pm romano Maria Bice Barborini che, per il liutaio ha firmato l’avviso di chiusura indagini, contestandogli il reato di truffa, appropriazione indebita ed esportazione clandestina. Sarebbero almeno quindici i violini passati per il suo studio negli ultimi tre anni, e poi scomparsi. Strumenti dati per lo più in conto vendita.

L’inchiesta che ora lo vede coinvolto, però, non è la prima: Lebet è già stato rinviato a giudizio per essersi intascato tutti i soldi di un Pietro Guarneri, datato Venezia 1734, del valore di circa 800.000 euro, consegnatogli da un musicista spagnolo che, ricostruita la vicenda, l’ha denunciato.

I carabinieri del Comando tutela patrimonio culturale sono riusciti a recuperare lo strumento, indagando tra quelli finiti sul mercato nero. Era finito in casa di un violinista di un quartetto romano che lo aveva comprato da Lebet a buon prezzo e che non avendo sospetti sulla provenienza lo pubblicizzava per i concerti. Un musicista che rimasto senza violino ne ha preteso un altro dal liutaio.

E non è tutto, nel lungo elenco di violini «scomparsi» c’è anche un Guadagnini da oltre un milione di euro, lasciato in conto vendita da un noto violinista svizzero, poi recuperato dai carabinieri in una cassetta di sicurezza di una banca a Roma e restituito al legittimo proprietario.

Lebet, però, ha sempre cercato di tranquillizzare i suoi clienti, musicisti e collezionisti italiani e stranieri: tamponava le loro richieste, giustamente pressanti, con scuse, rassicurazioni e rinvii. Del tipo: «Il violino sta per essere venduto. L’ho spedito a un esperto che farà da tramite». E loro, visto il calibro del mediatore, per un po’ si fidavano.

L’inchiesta ora rischia di allargarsi. Le indagini sono concentrate su eventuali intermediari che potrebbero aver fatto da spalla al liutaio romano. Intanto a Claude Lebet, nell’indagine appena chiusa, viene anche contestata la mancata restituzione allo Stato italiano del violino di Paganini-bambino, da lui restaurato anni fa ed esposto in una mostra a Castel Sant’Angelo: glielo aveva affidato un collezionista svizzero per farlo riaccordare. Secondo la procura, l’artigiano essendo consapevole che quell’opera d’arte era sottoposta a vincolo di interesse storico e artistico e in quanto tale inalienabile, avrebbe dovuto segnalarla alle autorità per farla rientrare tra i beni del patrimonio culturale italiano e non rispedirla oltralpe. Così, per questo caso, rischia di dover rispondere di esportazione illecita all’estero.

La lista dei violini che avrebbe avuto in conto vendita nel suo negozio di Campo de’ Fiori è lunga e di pregio: i militari esperti d’arte stanno dando la caccia ad altri esemplari di Guadagnini, Amati, Guarneri e Stradivari, dal valore di oltre un milione e mezzo di euro.

Eppure Lebet, nel 2009, era stato nominato aiutante di polizia giudiziaria proprio dai carabinieri del Comando tutela patrimonio culturale per la valutazione di duecento violini trovati in casa di un violinista russo che ne aveva venduti diversi ai suoi allievi al prezzo di mezzo milione l’uno. «Altro che Stradivari sono pezzi di legno», disse l’esperto. Ed era vero.

Domenica 21 Ottobre 2012 - 09:15
Ultimo aggiornamento: -
VUOI CONSIGLIARE QUESTO ARTICOLO AI TUOI AMICI?
DIVENTA FAN DEL MESSAGGERO
SEGUICI su facebook
LE NEWS PIÙ LETTE

In metropolitana c'è il pizzo sul biglietto: macchinette presidiate da gruppi di rom

Sputi ai turisti, estorsioni, guardie giurate minacciate e ferite con le penne negli occhi.

Papà trova babysitter che abusa del figlio Lo picchia a sangue, poi chiama la polizia

Lo ha picchiato così forte da farlo svenire. Poi ha chiamato la polizia: «Sono tornato a casa e...

Carambola sulla Cassia Bis: un morto e 5 feriti, 2 donne in coma, traffico paralizzato

ROMA - Maxi incidente sulla Cassia bis prima della galleria nella zona delle Rughe poco dopo lo svincolo per...

Yara, ecco perché il presunto killer Bossetti non fu mai chiamato per fare il test del Dna

​Massimo Giuseppe Bossetti è in carcere dal 16 giugno scorso, con l'accusa di aver...

Johannesburg, rubano l'auto e uccidono il bimbo trascinandolo per terra per 4 chilometri

«Mamma aiutami». Le ultime parole che Chantel Morris ha sentito dal suo piccolo di quattro anni...

CASA
Detrazioni fiscali: bonus arredi, occhio agli errori
La nuova agevolazione non spetta per tutti i lavori di recupero
Dichiarazione dei redditi: Unico 2014, ecco le spese detraibili e deducibili
Elenco aggiornato delle voci che permettono di ridurre il "conto"
Agevolazioni fiscali per una casa più sicura
Sconto Irpef del 50% su porte blindate, grate e telecamere
GUARDA TUTTE LE NEWS
CONSULTA GLI ANNUNCI IMMOBILIARI
IL METEO
TUTTOMERCATO
CALTAGIRONE EDITORE | IL MATTINO | CORRIERE ADRIATICO | IL GAZZETTINO | QUOTIDIANO DI PUGLIA | LEGGO | PUBBLICITA' CONTATTI | PRIVACY
© 2014 Il MESSAGGERO - C.F. e P. IVA 05629251009