In giro per Open day, aspettando l’ispirazione

di Raffaella Troili
Oggi #OpenDay con figlia 
per la scelta della scuola
superiore e sono emozionata come 
se le medie dovessi finirle io
Mai la stessa

Classico o scientifico? Scegli tu, ti prego. Non testa o croce, ma quasi. Quello che dentro di te già sai. Quello che io non voglio né posso dirti, perché tu non sei me, perché non so fino a che punto il mio consiglio possa influenzarti. Non voglio che nessuno lo faccia, neanche il prof, meglio le chiacchiere degli amici piuttosto, meglio che senti tutti ma poi ti volti a giocare, come fai, leggero ma non fatuo, come il mare calmo che pare immobile ma dentro ribolle di vita. Fai bene a rifiutare riflessioni a comando, confesso d’invidiare quella saggia incoscienza che ti spinge a rimandare la decisione a domani, e poi a domani, perché è un altro giorno non dicevamo così quando eravamo come te? Non conosci l’ansia, che meraviglia, il tuo “c’è tempo” è un manifesto e merita rispetto, è il 3 gennaio, perché mai Natale doveva portare consiglio, cosa è cambiato in un adolescente indeciso tra classico e scientifico: niente... Prendi tempo con grazia, anche se gli ultimi Open day sono alle porte e le date delle preiscrizioni on line alle superiori pure. Sdraiati, a folle, o parlane con chi vuoi, con chi ti trovi a fare un tratto di strada, con chi ti incute fiducia nell’istante. Io sto qui a tifare. E a soppesare parole che trovo ormai sempre meno. Non è resa ma cura. Basta Open day, giri di scuole, fai bene tu a snobbare i countdown, a carpire i non detti, a proteggere il puzzle segreto che hai in mente. Incontrerai il greco e nuovi amici, disegno tecnico e primi amori. Studio e libertà ti travolgeranno, entrambi.
Mercoled├Č 3 Gennaio 2018 - Ultimo aggiornamento: 00:12

© RIPRODUZIONE RISERVATA

COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti
QUICKMAP